Google vincerà la maratona Carbon Free?

Reducing CO2 levels. Graph of the decline in carbon dioxide levels

Uno dei grandi player della tecnologia esce allo scoperto sul tema della sostenibilità del digitale: nei giorni scorsi il numero 1 di Google, Sundar Pichai, si è detto stressato dal piano del motore di ricerca di diventare carbon free nel prossimo decennio. 

Analizziamo cosa sta succedendo e a che punto è Big G. nel raggiungere i suoi risultati.

Indice

Google e la sostenibilità

Google attualmente gestisce più di un milione di web server alimentati per lo più da fonti fossili e mira a utilizzare energia elettrica con fonti rinnovabili entro il 2030. “È una possibilità, ma mi stressa in termini di come arrivarci“, ha detto Pichai durante un webinar di Planet.

Google è carbon neutral (non carbon free) dal 2007. Ciò significa che sebbene l’attività di Google emetta ancora molta CO2, l’azienda compensa questa emissione in altri modi. Con gli acquisti di compensazione, Google sta essenzialmente pagando altre organizzazioni o progetti per ridurre effettivamente le emissioni di gas serra in misura uguale a ciò che produce.

Obiettivo Carbon Free

La svolta di Google sarebbe alimentare il suo business solo con fonti di energia rinnovabile entro il 2030. “Ci siamo impegnati a essere 24/7 carbon free, ovvero ogni ora, ogni giorno in tutto il mondo“. Google dunque opererà utilizzando unicamente energia pulita, afferma Pichai.

Ciò significa che “ogni email che le persone usano in Gmail, o ogni query che digitano nella ricerca, verranno offerte senza emissioni di carbonio“, conclude.

Google sta anche sviluppando strumenti per aiutare i consumatori a risparmiare energia: entro la fine del 2021 i percorsi predefiniti suggeriti da Google Maps saranno ovunque “i percorsi più ecologici” ( non quelli più rapidi) in modo che guidare lungo il tragitto richieda meno carburante.

La sfida del Motore di Ricerca sarà innovare e spingere per cambiamenti sistemici nelle regioni dove le fonti energetiche sono prettamente fossili, come ad esempio a Taiwan e Singapore dove la difficile situazione geografica complica l’uso dell’energia eolica e solare. In questi casi una possibile via di uscita sarà acquistare energia da pannelli solari offshore. 

La collaborazione fra Google e Fervo

E per quei momenti in cui il vento non soffia e il sole non splende, arriva la collaborazione con la start-up di energia pulita Fervo (energia geotermica, già forte nel Nevada).

Per chi non conoscesse l’energia geotermica, si tratta di energie che viene recuperata direttamente dal calore naturale generato dal nucleo della terra.

Conclusioni

Abbiamo visto che le mosse di Google sono sempre più improntate alla sostenibilità ambientale. Di recente l’azienda ha anche presentato i risultati trimestrali delle azioni messe in atto, molto gradite dal mercato.

Un effetto secondario dell’attenzione alla sostenibilità sarà anche attrarre di più i giovani talenti. “Nessuno escluso, quando guardi alla prossima generazione in arrivo, questo è il problema a cui tengono di più“, ha detto Pichai.

Se desideri saperne di più sull’intervista di Pichai, qui il webinar completo sulla Co2 del digitale.

Se invece desideri saperne di più sull’inquinamento digitale, consulta Karma Metrix, il nostro algoritmo brevettato che misura la produzione di CO2 delle pagine dei siti web e fissa una call con noi se vuoi approfondire.

Fissa una call

31/08/2021
Ale Agostini
Digital Marketing

Carbon Neutrality e Google

Crescita e sostenibilità: due concetti che molto spesso divergono senza trovare un punto d’incontro. Proprio per questo si sente parlare di azienda ad impatto zero o carbon neutrality: si tratta di realtà che pongono una rilevante importanza alla sostenibilità ambientale operando nella maniera più green possibile (anche un’azienda cliente della…

approfondisci
04/08/2021
Team Avantgrade
Digital Marketing

Sostenibilità Digitale: le squadre di Serie A con i siti più eco green

Anche il web inquina, compresi i siti della nostra squadra di calcio del cuore! In vista dell’inizio del prossimo campionato, abbiamo stilato per la seconda volta la classifica del campionato della sostenibilità *, analizzando le homepage dei siti web delle squadre di Serie A per rilevare la produzione di CO2…

approfondisci
03/08/2021
Team Avantgrade
Digital Marketing

Frequenza di rimbalzo o bounce rate: cos’è, come calcolarla e ridurla

Tra le metriche che ci vengono in soccorso nel misurare la qualità del traffico verso un sito web, una delle più importanti è la frequenza di rimbalzo, anche detta bounce rate. Il suo valore, anche quando elevato, va comunque interpretato in base alle caratteristiche e agli obiettivi di un determinato…

approfondisci