Il decalogo di Karma Metrix per un uso del web più sostenibile

Prima di uscire di casa tutti noi siamo attenti a spegnere le luci per non consumare troppa energia, tuttavia quando si parla di digitale, il tema del risparmio energetico è ancora considerato da pochi.

In termini di consumo energetico, secondo Repubblica il digitale è il quarto paese al mondo per emissioni di CO2; come nella vita fisica, anche le nostre azioni online generano consumo energetico e quindi emissioni di gas serra (CO2). 

Il tema della vita digitale ecosostenibile è diventato un argomento urgente a livello mondiale soprattutto con la transizione digitale e la pandemia (e-commerce, dad, smart working). Anche i consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità e alla riduzione degli sprechi: una recente ricerca Nomisma evidenzia che il 78% degli Italiani si attiva ogni giorno per la riduzione la dei consumi energetici.

LE 10 REGOLE PER UN USO DEL WEB PIÙ SOSTENIBILE

AvantGrade.com, l’agenzia di search marketing attenta alla sostenibilità, da anni analizza i principali fattori tecnici e comportamentali che rendono il web più o meno sostenibile ed energeticamente efficiente; su questa base propone 10 regole che ciascuno di noi dovrebbe adottare subito per una vita digitale più eco-sostenibile senza rinunciare ai piaceri che il web ci regala.

1. PULISCI LE FOTO NELLO SMARTPHONE

Su molti cellulari ci sono sistemi di back-up che replicano tutte le foto sulla nuvola. Ciò consuma energie preziose sia come stoccaggio che come spostamento dati. Se è vero che un’immagine vale più di mille parole, è altresì vero che su 10 foto che hai nello smartphone forse 1 merita di essere mantenuta e messa in backup. Quindi cancella le foto non usate e PULISCI LE FOTO dal tuo SMARTPHONE il primo di ogni mese.

2. PREFERISCI SITI WEB POCO INQUINANTI 

In base a come sono costruite e ottimizzate lato tecnico, anche le pagine di un sito web inquinano e possono emettere più o meno CO2; per riconoscere l’efficienza energetica di una pagina web, copia e incolla l’indirizzo web dello strumento gratuito di sostenibilità web Karma Metrix. A parità di servizi/prodotti, cerca siti che misurano, condividono e fanno un monitoraggio di quanta CO2 emettono.

3. FILE PESANTI? USA PIATTAFORME DI SCAMBIO

Spesso si vedono utenti che spediscono via chat e email dei mega file. Ciò consuma energie preziose, sia come stoccaggio che come spostamento dati. Meglio usare la nuvola e/o piattaforme di scambio dati (tipo Wetransfer) che ottimizzano l’energia per il trasferimento dei file e/o cancellano il file inviato dopo pochi giorni.

4. STREAMING MA CON ATTENZIONE

30 minuti di Streaming su Youtube, Netflix o Fortnite possono arrivare a produrre fino a 59 g di CO2; quando decidi di usare lo streaming ottimizza il consumo di energia evitando di mettere in pausa il video, restando sveglio e tenendolo attivo lo streaming solo se effettivamente lo stai guardando. 

5. PULISCI LE E-MAIL

Salva solo le email importanti e cerca di avere una inbox più pulita possibile. Su molti PC e cellulari ci sono valanghe di email che occupano spazio dati sia sul dispositivo che sui server che replicano tutti i dati sulla nuvola. Ciò consuma energie preziose sia come stoccaggio che come spostamento dati. Quindi il primo di ogni mese fai le pulizie generali e ti sentirai anche più libero mentalmente.

6. PULISCI LE APP SULLO SMARTPHONE

Le App che hai sul telefono consumano energia e scambiano dati anche se non le usi. Se è vero che in genere usiamo al massimo una ventina di APP sul mobile, cancella quelle che non usi da mesi e scarica solo le APP che davvero pensi di usare.

7. WEB MEETING SENZA VIDEO

Con lo smart working  sono cresciute in modo esponenziale i meeting via web con il video attivo. La chiamata con il video attivo consuma nel trasferimento molte più energie della chiamata senza. Meglio quindi  usare la video chiamata solo quando necessario, riducendo l’energia per il trasferimento dei dati.

8. PIÚ MESSAGGI DI TESTO, MENO FOTO, VIDEO E VOCALI

Con le chat e lo smartphone a portata di mano, stanno aumentando i messaggi con elementi vocali, immagini e video. In termini di ecosostenibilità nel trasferimento dati, ciò consuma molto; meglio quindi prediligere chat di testo o il buon vecchio SMS, che con i suoi 0,014 grammi di CO2 a SMS resta la soluzione più eco sostenibile. 

9. UN SOLO BACKUP

Ogni utente ha in media più di un dispositivo tra PC, tablet e smartphone. Non serve duplicare gli archivi, nè la replica (o BACKUP) dei dati su più piattaforme cloud. Non solo è inutile, ma raddoppia lo spazio di memoria occupato e dunque il consumo di energia. Per fare un paragone con l’elettricità è come se prima di uscire di casa accendeste tutte le luci anche se non ci siete.

10. MENO FINESTRE, MENO MULTITASKING 

Ci sono sempre più utenti che, amanti del iper multitasking, hanno più dispositivi e finestre aperte nello stesso momento.Se non le usi, chiudi le APP e le sessioni CHE NON STAI USANDO, queste consumano energia dal dispositivo e allo stesso tempo diminuiscono la tua attenzione su quello che sta davvero facendo.

Cosa ne pensi del decalogo per una vita digitale più ecosostenibile? Cosa aggiungeresti? 

Se sei arrivato fino alla fine del decalogo e vuoi preservare il nostro pianeta metti in pratica e condividi questa pagina.

Ale Agostini