Sorpresa Amazon: la 1° Keyword SEO unbranded su Google è …

Amazon e le query unbranded più assurde
Ale Agostini
15/10/2020

Amazon.it è uno dei siti web meglio indicizzati su Google: chi si occupa di SEO – specialmente SEO per eCommerce – sa anche che il colosso americano da sempre prende traffico dalle pagine Google (e non solo). Allora mi sono fatto una domanda: su Google quale è la migliore Keyword SEO Non Brand per Amazon.it?

Prima di svelare la grande sorpresa capiamo insieme perchè il dominio Amazon domina i risultati Google. Il primo motivo è l’autorevolezza SEO legata al brand: il servizio e la convenienza della società di Bezos, infatti, con gli anni hanno portato gli utenti a digitare spesso ricerche contenenti la keyword di brand dell’eCommerce con beneficio diretto sulla SEO di brand dove per quel tipo di query branded, Amazon si prende il primo posto in SERP. E ci mancherebbe.

Il secondo sono i link in ingresso (anche di affiliazione) che Amazon ha accumulato negli anni e che hanno anche portato il sito ad essere molto presente su Google nei risultati di ricerca per query generiche dette “unbranded”.

La forza SEO di Amazon quindi non stupisce, vista l’autorevolezza del dominio: quello che invece un po’ meraviglia e fa sorridere sono le query unbranded che portano più traffico da Google ad Amazon. Alcune, poi, fanno anche arrossire.

Eccole, ordinate per volume e traffico organico che portano all’eCommerce:

fonte: SEMRush

Sulla prima “xnxx” (cercato su Google.it oltre 20 mln di volte al mese in base al tool Semrush, Amazon è molto ben posizionato) notiamo solo che la pagina di destinazione è quella di app per il tablet Fire (app che evitiamo di linkare…).

Osservando le altre, troviamo interrogazioni secche di prodotto per cui Amazon è sempre in prima posizione.

È interessante notare come il colosso online primeggi anche per la parola chiave “nutella biscuits” (18° termine che gli porta più traffico da Google), sorpassando persino il sito ufficiale dei deliziosi biscotti Ferrero ( mio ex datore di lavoro). Ecco un classico caso in cui Amazon mostra i suoi possenti “muscoli SEO”.

Amazon e la query unbranded nutella biscuits su google

Scorrendo l’elenco delle query unbranded, dalla 10° posizione in poi, è anche possibile trovare ricerche improbabili come “bambole reborn”, “pornhub”, “letto a una piazza e mezza”, e altre legate al mondo dell’eros (che non citiamo, ma sono di facile intuizione).

Insomma, Amazon pigliatutto: non solo a livello di acquisti online, ma anche di posizionamento organico. Ora che sapete cosa tira su Amazon potete tornare a lavorare sul marketing del Black Friday o, se preferite, guardate il mio mini corso su come vendere su Amazon.

Ricevi gratis nella tua email le migliori guide, articoli e insights su SEO, SEM, Analytics e Digital Marketing!

Team Avantgrade
26/01/2021

Link building per eCommerce: 10 strategie efficaci per il 2021

Può la SEO prescindere dai link? I motori di ricerca (in particolar modo Google) sono diventati sempre più evoluti e definiscono il posizionamento di un sito web sulla base di molteplici fattori, ma non possiamo negare che i link in ingresso rappresentino, ancora oggi, un elemento essenziale per ottenere risultati.

approfondisci
Team Avantgrade
23/12/2020

Passaggio da Magento 1 a Magento 2: come gestire la migrazione in ottica SEO

Magento è tra le piattaforme eCommerce più diffuse al mondo: viene utilizzato su 250.000 siti attivi, ma solo 11.000 ne usano la nuova versione, Magento 2. Se hai una PMI e stai pensando a una migrazione, ecco i nostri suggerimenti, fra pro e contro. Ormai…

approfondisci