Blog per eCommerce: come evitare la cannibalizzazione SEO dei contenuti

Blog per eCommerce

Creare tanti contenuti di qualità è un toccasana per la SEO, perché è proprio da questi che parte una buona strategia di individuazione delle query degli utenti e di risposta ai loro principali intenti di ricerca.
Quante volte lo hai sentito dire? Tutto vero.

Una gestione poco attenta di questa prassi può, tuttavia, esporti a un problema molto comune (e decisamente dannoso) soprattutto tra i blog per eCommerce: la cannibalizzazione dei contenuti e, di conseguenza, delle parole chiave per cui si desidera raggiungere posizionamenti di rilievo.

Indice

Blog per eCommerce

Cos’è la cannibalizzazione dei contenuti

La cannibalizzazione dei contenuti è un fenomeno che si verifica quando più pagine del tuo sito competono per le stesse keyword.

Nota importante: la cannibalizzazione, nel caso di progetti eCommerce, è un problema che si verifica di frequente a prescindere dai contenuti del blog, soprattutto quando ci sono molti articoli in catalogo simili tra loro. Nel caso delle schede prodotto, una corretta gestione di questa problematica prevede l’implementazione di uno o più tag canonical.

C’è un falso mito piuttosto diffuso tra i neofiti e i non addetti ai lavori, ovvero che un maggior numero di pagine correlate a una stessa parola chiave permetta di ottenere un miglior posizionamento per quella medesima keyword. Secondo tale logica, sul blog del tuo eCommerce dovresti scrivere numerosi post dedicati allo stesso topic.

Non solo si tratta di un errore, ma l’effetto che si ottiene è esattamente l’opposto: quando molteplici pagine gareggiano per la medesima keyword, si sviluppa una competizione interna. Le conseguenze? I risultati che avresti ottenuto con un singolo contenuto sul tuo blog per eCommerce si distribuiscono su tutte le pagine inerenti, disperdendosi.

Per spiegare l’effetto in modo estremamente semplice, proviamo a fare un esempio. Supponiamo che pubblichi sul tuo blog per eCommerce i seguenti articoli (entrambi scritti molto bene e ricchi di informazioni utili e pertinenti):

  1. Come scegliere il miglior lettino per cuccioli
  2. Lettino per cani piccoli, tutto quello che devi sapere

Bene, ora mettiti nei panni di Google e rispondi a questa domanda: “Se dovessi ‘consigliare’ ai tuoi lettori il migliore tra i due rispetto alla parola chiave ‘lettino per cani di piccola taglia’, non saresti indeciso anche tu?”. Crediamo proprio di sì!

La cannibalizzazione, inoltre, porta con sé numerose altre problematiche, tra cui:

  • CTR sensibilmente più bassi per le tue pagine;
  • una minore autorevolezza agli occhi di Google;
  • uno spreco del crawl budget;
  • un minor tasso di conversione per ogni pagina.

Questi elementi possono determinare una consistente perdita di traffico, eccessive fluttuazioni di ranking, errate corrispondenze tra ricerche e pagine di destinazione, fino a portare alla perdita di potenziali acquirenti. Maggiore sarà la diffusione del problema, più i suoi effetti dannosi saranno amplificati sul tuo shop online.

Cannibalizzazione dei contenuti nel Blog eCommerce

Come riconoscere la cannibalizzazione dei contenuti

La cannibalizzazione è, quindi, un problema molto diffuso e tipico dei siti profondi e ricchi di contenuti, come gli eCommerce, e, in particolare, quelli cui è abbinato un blog. Per risolvere questa criticità, il primo passo è riconoscerla.

Come possiamo identificare la cannibalizzazione dei contenuti? Con un metodo molto semplice, che si articola in 3 step:

  1. realizzare una lista delle pagine del sito (o, almeno, delle più rilevanti) e delle keyword associate a ognuna di esse. Per un eCommerce, il procedimento potrebbe risultare complicato, a causa dell’elevato numero di prodotti/pagine presenti: in questo caso, è possibile creare una mappa dei contenuti grazie a specifici tool, molto diffusi e agevoli da trovare in rete. Per esempio, puoi ricorrere a Semrush o Ahrefs, che ti saranno di grande aiuto;
  2. verificare la presenza di pagine in competizione per le medesime keyword, ovvero se ce ne sono due o più della lista che si posizionano (o ambiscono a farlo) sulle stesse parole chiave;
  3. controllare, nella ricerca delle keyword associate alle pagine, non solo i contenuti, i blocchi di testo e i titoli, ma anche altri dettagli importanti, come i tag e le meta description.
Riconoscere cannibalizzazione di un blog con eCommerce

Come risolvere la cannibalizzazione dei contenuti

Trattandosi molto spesso di un problema di organizzazione interna del sito, possiamo individuare alcune strategie utili per risolverlo. Sono applicabili alla maggior parte delle situazioni, compresa quella del tuo blog per eCommerce.

Organizzare in modo gerarchico i contenuti

Il modo più semplice per gestire questa problematica è imporre ai contenuti in competizione una struttura gerarchica: la pagina più importante sarà una vera e propria landing page a cui le altre faranno riferimento. Quelle secondarie verranno gestite attraverso un uso sapiente dei reindirizzamenti 301 e i tag canonical. Da non trascurare anche il fatto che, con un’organizzazione di questo tipo, si può dare maggior valenza anche ai link interni.

Creare una nuova landing page

Quando nessuna pagina in competizione può essere elevata gerarchicamente, è utile creare una nuova landing page che possa riunire i vari contenuti sotto un unico cappello: tutte le pagine saranno linkate e avranno come unico riferimento la nuova landing.

Unificare i contenuti

Una valida strategia potrebbe essere quella di unificare i contenuti in un’unica pagina: è consigliabile soprattutto quando le pagine in competizione ne presentano di complementari, riferiti al medesimo target. Attenzione: tale operazione di consolidamento non può prescindere dai redirect 301.

Associare nuove keyword ai vari contenuti

Un’altra strada da percorrere è quella di offrire una maggiore varietà di keyword: se i contenuti lo permettono, associare le pagine a parole chiave differenti aiuta a risolvere il problema della competizione interna tra gli articoli del tuo blog per eCommerce. L’associazione, ovviamente, non può avvenire solo a livello di Title o intestazioni di paragrafo: si deve modificare il testo in ottica SEO copywriting, affinché risponda realmente a un differente Search Intent.

Non esiste una sola via per risolvere la cannibalizzazione dei contenuti, poiché questa dipende dalla natura del problema e dalla struttura di shop e blog per eCommerce. Da questa affermazione ricaviamo un importante corollario: se un sito soffre di cannibalizzazione, vuol dire che la sua struttura non è ottimale, quindi andrebbe analizzata e ripensata.

Il processo di verifica deve partire da un’analisi approfondita delle problematiche SEO del tuo eCommerce: per tale attività, probabilmente avrai bisogno del supporto di un SEO esperto. Quello che, oggi, ti può sembrare un problema da poco potrebbe risultare il principale collo di bottiglia che blocca la crescita organica del tuo progetto. Pensaci! Fissa subito una call, saremo felici di dargli un’occhiata e di aiutarti. Articolo scritto in collaborazione con Carmine Pucino.

Vuoi restare sempre aggiornato? Ricevi gratis nella tua email le migliori guide, articoli e insights su SEO, SEM, Analytics e Digital Marketing!

25/10/2021
Team Avantgrade
SEO&SEM

Ricerca Google avanzata e Operatori di ricerca: lista delle principali funzioni

La ricerca Google avanzata e gli operatori di Ricerca sono il metodo migliore per affinare i risultati che ti vengono restituiti da Big G. Saper sfruttare al meglio queste funzionalità ti può far risparmiare tempo e migliorare la qualità delle risposte che Google ti offre. In questo articolo, vediamo…

approfondisci
14/10/2021
Team Avantgrade
SEO&SEM

Sitemap: cos’è, come crearla e perché è importante nella SEO

Sai cos’è la Sitemap? Si tratta di un elemento che, soprattutto per i siti di grandi dimensioni come gli e-commerce, ha una duplice e non trascurabile importanza perché consente agli utenti di orientarsi con facilità migliorando la UX, e a Google e ai motori di ricerca di individuare e comprendere…

approfondisci
13/10/2021
Team Avantgrade
SEO&SEM

Errore 404 (not found): cos’è e come risolvere

Tra i codici di stato nei quali si può incappare durante la navigazione web, l’errore 404 (not found) è certamente uno dei più diffusi. Considerato da alcuni come uno spauracchio lato SEO, vedremo in realtà che, a meno che non ci si trovi di fronte a un numero considerevole di…

approfondisci