Come ottimizzare le categorie del tuo eCommerce: la guida

Quando pensiamo alla SEO eCommerce, siamo portati ad attribuire grande importanza alla home page e alle schede prodotto. Troppo spesso sottovalutiamo quelle che sono, a tutti gli effetti, le “vetrine virtuali” degli shop online: le pagine di categoria.

Se ci dedichiamo alla loro ottimizzazione in chiave SEO, potremo ottenere numerosi benefici, tra cui:

  • un plus di visibilità;
  • un miglior posizionamento nei risultati dei motori di ricerca;
  • un’esperienza di navigazione più fluida e user-friendly.

Indice

L’importanza delle pagine di categoria

La struttura ottimale di un eCommerce è su tre livelli: home page, pagine di categoria e schede prodotto. Nel caso di siti più grandi e con molti articoli, si possono aggiungere le sottocategorie. 

Venendo subito dopo la home e trovandosi in una posizione gerarchica più elevata, le pagine di categoria hanno, tendenzialmente, una maggiore autorevolezza rispetto alle schede prodotto: usando l’internal linking (come abbiamo visto nel nostro articolo dedicato ai link interni) possiamo così trasferire parte del loro valore SEO ad altre pagine meno autorevoli, ma più importanti per il business.

Questo approccio si rivela ancor più efficace se l’eCommerce compete in un settore molto affollato in cui è difficile guadagnare i posizionamenti più interessanti nei risultati di ricerca. Le pagine di categoria possono essere, allora, estremamente utili per migliorare il posizionamento all’interno delle SERP.

Come ottimizzare le categorie eCommerce

L’ottimizzazione delle categorie passa attraverso l’invio di forti segnali a Google circa la presenza di informazioni pertinenti e rilevanti in pagina. Vediamo insieme le principali attività e accortezze per l’ottimizzazione delle categorie eCommerce.

Le basi: URL di categoria

L’ottimizzazione SEO inizia dall’URL. L’indirizzo di ogni categoria deve descrivere chiaramente cosa c’è all’interno della pagina, in modo sintetico e chiaro. Se, per esempio, l’eCommerce è dedicato al tennis e una categoria è riservata alle racchette, l’URL più idoneo a questa pagina sarà:

https://nomesito.com/racchette-tennis

In questo modo, comunicheremo esplicitamente al motore di ricerca il suo contenuto.

Un esempio dell'URL di una pagina di categoria di racchette: https://www.mistertennis.com/it/racchette-tennis/
Fonte: mistertennis.com

L’importanza dei titoli

Il titolo è un’importante opportunità per comunicare a Google il contenuto della categoria. Quando lo si elabora è fondamentale tener sempre conto delle principali keyword utilizzate dagli utenti nelle ricerche. Il punto di partenza si rivela, quindi, essere una corretta keyword research.

Può essere utile inserire anche specifiche caratteristiche di prodotto, offerte, indicazioni sui brand proposti, laddove queste informazioni possano incontrare al meglio l’intenzione di ricerca dei potenziali clienti.

Tag H1: il primo elemento della pagina

Il tag H1 non è assolutamente da sottovalutare e va ottimizzato nel modo corretto: dobbiamo averne solo uno per ogni categoria, in cima alla pagina e deve contenere le keyword più importanti per il target (e, anche in questo caso, saranno un ottimo riferimento i risultati della keyword research).

Sotto il tag H1, è buona norma inserire un breve contenuto descrittivo: poche righe per specificare meglio agli utenti (e ai crawler di Google) quale sia il contenuto della pagina.

La meta description: mai dimenticarla

Una particolare cura per la meta description, oltre a essere utile per la SEO, è importante anche per rendere appetibile il risultato di ricerca e spingere gli utenti a cliccare: quello che si scrive all’interno, infatti, potrebbe essere mostrato direttamente in SERP.

Esempi di meta description di Mediaworld: "Scopri tutte le offerte sugli Smartphone e Cellulari e approfitta dell'ampia scelta!" e di Zalando "Scopri tante proposte di maglieria e felpe donna..."

Ottimizzare questo breve testo vuol dire comunicare chiaramente il contenuto della categoria, con l’aggiunta di una call to action accattivante e adeguata a incoraggiare il clic (per esempio, inserendo le principali caratteristiche dei prodotti, le offerte, il reso o la spedizione gratuita, laddove presenti).

Richiedi una consulenza SEO

Contenuti testuali: dove e come aggiungerli

Una delle principali difficoltà nella gestione delle pagine di categoria è aggiungere box di testo senza rendere disordinato il layout e inficiare la user experience. Il cuore della pagina sono ovviamente i prodotti, in genere presentati con una griglia di thumbnail: prima e dopo questo elemento abbiamo lo spazio ideale per aggiungere dei brevi testi descrittivi.

Dopo il tag H1, come già anticipato, è consigliabile inserirne uno molto breve. Nella parte inferiore della pagina, dove lo spazio è più ampio, è opportuno inserire alcuni paragrafi di approfondimento, linkati alle sottocategorie più importanti.

Gestione dei filtri

È essenziale, poi, tenere a mente un piccolo, ma rilevante accorgimento lato tecnico che, se non ben gestito, può portare notevoli problemi in termini di scansionabilità del sito e di impiego del crawl budget. 

Tutti gli eCommerce più grandi, con tanti prodotti in catalogo, hanno la necessità di gestirne una prima selezione grazie ai filtri. Fin qui nulla di strano, anzi: per l’esperienza utente i filtri sono fondamentali.

Il problema sorge nel momento in cui le pagine di filtro sono indicizzabili (cosa che a Google non piace affatto!). Si tratta infatti di decine, centinaia, talvolta migliaia di URL parametrici senza alcun valore.

La soluzione consiste nel risparmiare crawl budget impostando il meta tag robots di queste pagine in “noindex”.

Sei pronto a ottimizzare le tue categorie eCommerce? Inizia da questi primi consigli e non dimenticare di curare la SEO anche per le altre sezioni del tuo sito; se sei in difficoltà, valuta anche l’intervento di un professionista: solo un lavoro organico e completo ti aiuterà a produrre risultati validi e duraturi. Fissa una call per approfondire! Articolo scritto in collaborazione con C.Pucino.

Ricevi gratis nella tua email le migliori guide, articoli e insights su SEO, SEM, Analytics e Digital Marketing!

23/07/2021
Team Avantgrade
SEO&SEM

5 piattaforme pubblicitarie alternative a Google Ads

Google Ads è sicuramente uno strumento pubblicitario prezioso per le aziende che vogliono raggiungere potenziali clienti, nonché la prima piattaforma di advertising scelta da molti esperti di marketing che desiderano comunicare a un pubblico mirato con un’ampia rete di annunci personalizzati. Oltre a Google Ads, è…

approfondisci
15/07/2021
Team Avantgrade
SEO&SEM

Disavow Tool: cos’è, come e quando utilizzarlo

Il Disavow Tool è uno strumento che Google ci mette a disposizione per gestire la reputazione del nostro sito web in presenza di difficoltà e problematiche legate ai link in ingresso. Si tratta di uno strumento da utilizzare solo in determinate circostanze. In questo articolo ne…

approfondisci
07/07/2021
Team Avantgrade
SEO&SEM

Local SEO e Google My Business: vantaggi e consigli utili

In un ambiente digitale oggi sempre più competitivo, la Local SEO (uno dei servizi SEO che offriamo ai nostri clienti) rappresenta una grande opportunità per le attività locali di ritagliarsi visibilità nelle SERP (ovvero nelle pagine dei risultati di ricerca di Google) e nelle mappe di…

approfondisci