Ladri di b-udget: denunce per i seo truffatori

Stop ai seo truffatori

Finalmente ci siamo: da tutto il mondo arrivano notizie di denunce contro i truffatori SEO che da anni ingannano PMI e mercato con promesse che di fatto non vengono mai mantenute; ottimizzazioni che porteranno a posizionamenti stellari che tuttavia rimangono nel concreto solo fantasmi. La notizia viene riportata da Studio Samo e questa bellissima storia ha inizio quando Google fa causa al Supreme Marketing Group (d / b / a Small Business Solutions) riuscendo di fatto a mettere la società fuori mercato. L’effetto domino è immediato: l’Australian All Business e Family Enterprise Ombudsman (ASBFEO) avvia numerose procedure disciplinari nei confronti dei truffatori SEO. La morale è sempre la stessa: i truffatori sono ovunque e in questo caso si tratta di SEO “over-promising and under-delivering”, in 5 parole: promesse che non vengono mantenute; ma ecco l’happy ending: è iniziata la crociata contro la SEO fraudolenza.

SEO Truffatori: la crociata australiana

L’Australia è stata la prima: esemplare l’invito alle PMI a farsi avanti raccontando le proprie case history per identificare nomi e modus operandi dei furbetti. Le storie verranno poi raccolte in un report che verrà presentato all’Australian Competition & Consumer Commission per spingere l’avanzamento di nuove norme per regolamentare il corretto svolgimento della professione. A remare contro il progetto è la disinformazione: spesso le piccole imprese non conoscono approfonditamente i propri diritti in termini contrattuali con le web agency e non denunciano, quindi, la truffa.

SEO Truffatori in Italia

In Italia la situazione non è molto diversa: un interessante punto di osservazione sono i forum e i gruppi social dedicati alla SEO, all’interno dei quali si trovano moltissimi sedicenti guru che fanno promesse da marinaio. Il problema anche in questo caso è radicato nella mala informazione: raramente il cliente conosce le tecniche migliori e legali che operano all’interno di questo ambito ed è in grado di capire la truffa che sta subendo. Una regolamentazione arriverà (sicuramente non in tempi brevi) ma il consiglio è di pretendere sempre chiarezza in sede di stipula del contratto. Affidarsi sempre ad agenzie accreditate perché investire sul low cost non è mai la scelta migliore: nel lungo periodo l’investimento per riparare agli errori commessi è sempre più alto di quello che sarebbe costato un’agenzia con prezzi standard.

Ti è piaciuto l’articolo? Leggi anche: Seo Amazon: cosa cercano aziende e liberi professionisti

16/06/2022
Team Avantgrade
SEO&SEM

Guida all’ottimizzazione SEO di un sito web

Sai cosa si intende per ottimizzazione SEO di un sito web? Come immaginerai, il sito è un’arma di comunicazione e vendita potentissima e riuscire a veicolare traffico in maniera organica (ovvero non a pagamento) verso di lui è fondamentale per guadagnare visibilità e farsi trovare dai clienti interessati. Affinché questo…

approfondisci
27/05/2022
Team Avantgrade
SEO&SEM

Google Core Update Maggio 2022: cosa c’è da sapere

Più volte all’anno Google lancia degli aggiornamenti del suo algoritmo, chiamati “Core Update”, per rendere i risultati di ricerca sempre più pertinenti e di valore per gli utenti (dai un’occhiata alla raccolta di tutti i principali aggiornamenti dell’algoritmo di Google). Anche nel mese di maggio 2022,…

approfondisci
25/05/2022
Team Avantgrade
SEO&SEM

Performance Max (Google ADS): cos’è e come funziona

Performance Max di Google si inserisce in una tendenza che non riguarda solo il motore di ricerca di Mountain View, ma anche altre piattaforme di advertising. Ci si riferisce alla centralità dei processi di automatismo e di machine learning, a discapito del “controllo” da parte dell’inserzionista. Gli algoritmi di Google…

approfondisci