Disavow Tool: cos’è, come e quando utilizzarlo

DISAVOW-TOOL

Il Disavow Tool è uno strumento che Google ci mette a disposizione per gestire la reputazione del nostro sito web in presenza di difficoltà e problematiche legate ai link in ingresso.

Si tratta di uno strumento da utilizzare solo in determinate circostanze. In questo articolo ne analizzeremo storia e peculiarità.

Ricorda: l’analisi dei backlink fa parte dei nostri servizi SEO. Affidati a un esperto che sappia consigliarti la strategia migliore in presenza di link in ingresso di scarsa qualità.

Indice

Pillola di storia

Prima di entrare nel merito dei tecnicismi di utilizzo, facciamo un brevissimo recap storico per contestualizzare la natura e lo scopo di questo tool, anche alla luce dei cambiamenti che si sono verificati negli ultimi anni. Teniamo presente, infatti, che il Disavow Tool è stato introdotto nel 2012, stesso anno in cui Google ha lanciato il Penguin Update, nato con l’obiettivo di penalizzare i siti che acquistano link a pagamento per manipolare il proprio ranking. In quel periodo, le penalizzazioni manuali e i relativi avvisi in Search Console erano davvero all’ordine del giorno. 

Perché si dovrebbero rifiutare uno o più link in ingresso

La ragione, in realtà, è molto semplice: rinnegare i link equivale a “proteggere” il proprio sito da collegamenti di scarsa qualità, che possono danneggiarne la reputazione e, quindi, incidere in maniera negativa sui posizionamenti nei risultati di ricerca

I motivi per cui si decide di rinunciare ai link possono essere i più disparati. Vediamo alcune ipotesi: 

  • azioni di SEO negativa da parte dei competitors; 
  • link creati dagli utenti, senza secondi fini dannosi, su siti web poco autorevoli (è un eufemismo per far riferimento a siti spam o realmente pericolosi);
  • variazioni algoritmiche di Google che declassano improvvisamente un link ritenuto valido e utile fino al giorno prima. 

Qualunque sia la sua origine, eliminare un link che abbiamo accertato essere pericoloso, anche solo in via potenziale, è una buona idea.

Come utilizzare il Disavow Tool

Il primissimo step per poter rifiutare i collegamenti è creare il file di rifiuto in cui elencare questi link. Fondamentalmente, si tratta di un file di testo (.txt) all’interno del quale inserire, per ogni riga del documento, un URL, un dominio o un sottodominio. Per chiarire meglio questa distinzione, facciamo degli esempi qui sotto:

  • https://example.com/questo-link è un esempio di url da rinnegare
  • domain:esempio.com è un esempio di dominio da rinnegare (attenzione, è una scelta da compiere quando si vogliono disconoscere TUTTI i link provenienti da un dominio)
  • domain:blog.esempio.com è un esempio di sottodominio rinnegato

Come possiamo notare è importante che per il dominio e il sottodominio sia presente il prefisso “domain:”. In aggiunta, consideriamo altre note che possono tornarci molto utili:

  • il file dev’essere di testo, con la codifica UTF-8 o ASCII a 7 bit;
  • il nome del file deve terminare con .txt;
  • la lunghezza massima dell’URL è di 2048 caratteri;
  • la dimensione massima del file è di 100.000 righe (incluse quelle vuote e di commento) e 2 MB;
  • c’è la possibilità di includere commenti, aggiungendo # all’inizio di una riga. Le righe che iniziano con # verranno ignorate da Google, come nei seguenti esempi:

# Due pagine da rifiutare

http://spam.example.com/stuff/comments.html

http://spam.example.com/stuff/paid-links.html

# Un dominio da rifiutare

domain:shadyseo.com

Come inviare un file di rifiuto

La procedura è semplice e prevede pochi, ma essenziali step. Vediamoli insieme.

  1. Vai allo strumento, al link: https://search.google.com/search-console/disavow-links
  1. Seleziona il sito per il quale desideri rifiutare i link. Ricorda che, al momento, non è possibile rinnegare collegamenti su una Proprietà dominio e dovrai, quindi, farlo sui singoli prefissi (per esempio, https://tuosito.com, http://tuosito.com e così via).

3. Carica il file creato in precedenza. A seconda che tu abbia già creato un file o meno, vedrai un pulsante con l’indicazione “Carica elenco disconoscimenti” o “Sostituisci”. In questo ultimo caso, assicurati di conservare una copia di quello vecchio come backup!

Quando è davvero indispensabile e quando possiamo invece farne a meno

Questo è senza dubbio il punto più controverso e difficile da chiarire. In realtà, ci sarebbe anche una risposta breve, ovvero: 

Usa il Disavow Tool ogni qualvolta sei certo che un link pericoloso punti al tuo sito web, a prescindere dal fatto che abbia già causato danni o possa farlo in futuro”.

Semplice, vero?

La parte difficile, semmai, è definire con certezza l’aggettivo pericoloso: capire come valutare la fonte di un link, verificare che esista una correlazione diretta tra quel collegamento e un calo di traffico del tuo sito e così via.

A tutti questi dubbi è possibile rispondere solo con l’ausilio di una buona dose di esperienza. Quello che talvolta ti sembra un sito poco autorevole – magari perché ti hanno linkato da un terzo livello di Blogger, per dirne una! – potrebbe, invece, essere utile alla costruzione di un profilo di link, in cui le fonti sono diversificate e di natura differente.

Consigli finali

Oltre a quanto detto sinora, tieni presente che Google disincentiva l’utilizzo di questo strumento, soprattutto per chi vi si approccia con un limitato livello di consapevolezza.

Ecco un famoso tweet di John Mueller, uno dei principali esponenti dei Webmasters Trends Analysts di Google, ormai risalente a qualche tempo fa.

La frase conclusiva è sicuramente degna di nota e di essere impressa nelle nostre menti: 

Rifiuta i link che sono stati realmente pagati (o comunque posizionati attivamente in modo innaturale), non preoccuparti”.

In altri termini, Google ci fa capire che è perfettamente in grado di individuare – e ignorare! – link di bassa qualità che rimandano a un sito web, anche se dovesse trattarsi di grandi quantità degli stessi. Al contempo, ci invita a rinnegare quelli che sono stati scientemente acquistati o che sono, in qualche modo, innaturali. Su quest’ultimo punto ci sarebbe da scrivere un libro, più che un articolo, quindi per il momento teniamolo a mente.

Conclusioni

Terminiamo il nostro viaggio insieme nel Disavow Tool  semplicemente invitandoti a maneggiarlo davvero con estrema cura. Tra la valutazione qualitativa e quantitativa dei link, il rischio di penalizzazioni e quello di incidere pesantemente sul PageRank, oltre che sul posizionamento, ci vuole un attimo a commettere errori fatali, con una fortissima incidenza sul traffico al sito web

Se davvero hai dubbi che possano esserci problemi connessi al profilo link, la cosa migliore da fare è affidarne un’analisi accurata a un team esperto, che possa supportarti e guidarti nella scelta (eventuale) dei backlink da rinnegare. Articolo scritto in collaborazione con Carmine P.

Fissa una call

14/10/2021
Team Avantgrade
SEO&SEM

Sitemap: cos’è, come crearla e perché è importante nella SEO

Sai cos’è la Sitemap? Si tratta di un elemento che, soprattutto per i siti di grandi dimensioni come gli e-commerce, ha una duplice e non trascurabile importanza perché consente agli utenti di orientarsi con facilità migliorando la UX, e a Google e ai motori di ricerca di individuare e comprendere…

approfondisci
13/10/2021
Team Avantgrade
SEO&SEM

Errore 404 (not found): cos’è e come risolvere

Tra i codici di stato nei quali si può incappare durante la navigazione web, l’errore 404 (not found) è certamente uno dei più diffusi. Considerato da alcuni come uno spauracchio lato SEO, vedremo in realtà che, a meno che non ci si trovi di fronte a un numero considerevole di…

approfondisci
10/09/2021
Team Avantgrade
SEO&SEM

Come creare un account Google Ads: la guida completa per iniziare

Stai cercando una guida passo a passo su come creare un account Google Ads? Sei nel posto giusto! La nostra agenzia di digital marketing ha tutte le informazioni che ti servono. Se dopo un’attenta analisi del mercato hai deciso di voler iniziare a fare…

approfondisci