Google Core Web Vitals: la guida per ottimizzare il FID

A maggio 2021 Google Page Experience diventerà una realtà con cui gli “addetti ai lavori” del mondo digital dovranno confrontarsi. Il nuovo algoritmo tiene in considerazione i Core Web Vitals, delle metriche che valutano un insieme di funzionalità di base di una pagina web, che influiscono sulla qualità dell’esperienza di navigazione dell’utente. 

Essendo integrati nella SEO con particolari indicatori di UX, è fondamentale conoscere (e usare al meglio) questi nuovi fattori di ranking:

  • il Largest Contentful Paint (LCP), che misura la velocità di loading del principale elemento di una pagina;
  • il First Input Delay (FID), che misura l’interattività tra la pagina richiesta dall’utente e la risposta del browser;
  • il Cumulative Layout Shift (CLS), che misura la stabilità visiva in fase di caricamento della pagina.

Analizziamo insieme il First Input Delay (FID) per scoprire come ottimizzarlo e facilitare ai visitatori l’esperienza di navigazione sulle nostre pagine, aumentandone le performance.

Scarica la Guida completa dei Core Web Vitals

Indice

Cos’è il First Input Delay

Il sito di Google dedicato ai webmaster, web.dev, spiega il First Input Delay (ovvero il ritardo della prima interazione) con un paragone efficace: le prime impressioni sono importanti sia quando si incontrano nuove persone sia quando si crea un’esperienza sul web.

Secondo il gigante di Mountain View, il FID è:

 “una metrica importante per misurare la reattività del caricamento ed è incentrata sull’utente perché quantifica – in millisecondi – l’esperienza delle persone quando provano a interagire con pagine che non rispondono: se il valore risulta basso, è una garanzia che la pagina sia reattiva”.

La metrica misura il tempo che intercorre tra il momento in cui un utente interagisce per la prima volta con i contenuti di una pagina e quello che il browser impiega a rispondere a tale input: in altre parole, valuta il “ritardo” che si genera prima di ottenere risposta. Non vengono, al contrario, tenuti in considerazione né il tempo di elaborazione dell’input né quello impiegato per il conseguente aggiornamento dell’interfaccia utente. 

E, allora, cosa viene considerato esattamente come interazione? Molteplici azioni che si basano sulla reattività, tra cui un clic o un tap su un collegamento, su un pulsante o su un menu a tendina oppure la validazione di un form. Non sono presi, invece, in considerazione lo scorrimento e lo zoom perché si configurano come azioni continuate. E se un utente non interagisce con il sito? Semplicemente non produrrà valori FID. Google ritiene buono un First Input Delay inferiore a 100 millisecondi, da migliorare quando si assesta tra 100 e 300 e pessimo se supera i 300 millisecondi. Suggerisce, poi, di raggiungere un buon punteggio, su dispositivi mobili e desktop, nel 75° percentile dei caricamenti di pagina.

FID

L’impatto del FID sulla SEO

Screaming Frog ha condotto uno studio su 20.000 URL: l’89% di quelli mobile e il 99% di quelli desktop avevano FID in linea con i parametri indicati da Google. Per i primi è stato riscontrato un ritardo di soli 56 millisecondi e per i secondi di appena 13 millesecondi.

Mettendo a confronto questi risultati con le posizioni in SERP, al momento, non è stata evidenziata alcuna correlazione significativa: non è, però, da escludere che la metrica FID inciderà effettivamente sulle posizioni nei risultati di ricerca di Google a partire da maggio 2021, quando l’aggiornamento nell’algoritmo diventerà operativo, e che, da allora, se ne potranno trovare interessanti nessi. 

Google chiarisce che, per questo particolare indicatore, sarebbe bene testare gli URL e assicurarsi di raggiungere il 90°-99° percentile, a fronte del fatto che costruisce la prima impressione dell’utente. Per fare un esempio, se il tuo sito ha 100 pagine in indice (ovvero visibili in Internet e posizionabili in SERP dai motori di ricerca), almeno il 75% di queste – ma ancora meglio il 95%-99% – dovrebbe avere un FID inferiore a 100 millisecondi perché Google possa riconoscergli buone prestazioni nella metrica.

Ottimizzare il FID

Il FID è una metrica da valutare “sul campo” poiché richiede che un utente reale interagisca con la pagina. È possibile, allora, misurarlo con i seguenti strumenti:

  • Rapporto sull’esperienza utente di Chrome;
  • PageSpeed Insights (dati di laboratorio e sul campo);
  • Lighthouse (per il TBT);
  • Search Console (nel rapporto Core Web Vitals);
  • Libreria JavaScript web-vitals.

Individuare le pagine da ottimizzare

Si rivela utile, ai fini dell’ottimizzazione del FID, la considerazione del TBT (Total Blocking Time). Si tratta di una metrica relativa al tempo di blocco totale, misurabile con dati previsionali, che consente di evidenziare anche i problemi legati all’interattività: indica, in particolare, il tempo che intercorre tra la restituzione in display del primo contenuto (FCP) e il momento in cui il sito può rispondere a un input (TTI – Time To Interactive). Secondo Google, “migliorando il TBT, dovrebbero anche migliorare le prestazioni FID”. 

Dopo aver analizzato, nel rapporto Core Web Vitals di Google Search Console, i gruppi di URL problematici, si può eseguire un audit delle prestazioni su Lighthouse o su PageSpeed Insights. Il primo fornisce dati di laboratorio sul TBT, il secondo attinge da Lighthouse, ma anche dal rapporto sulla UX di Chrome, i dati di sessioni reali. 

Su PageSpeed Insights, poi, è possibile effettuare un controllo sui punteggi FID e anche consultare i consigli riportati nella sezione “Opportunità” per ottimizzare il TBT e apportare le prime migliorie.

Punteggio FID in Page Speed Insights
opportunità di miglioramento in Page Speed Insights
Punteggio FID e opportunità, fonte: Page Speed Insights

Identificare le cause di problemi nel FID e le strategie di miglioramento

Quelle che sono, o potrebbero diventare, cause di cattive prestazioni nel punteggio FID di un sito, sono perlopiù alla base dei problemi di velocità. Riuscire a migliorarli rientra nelle buone pratiche SEO. Vediamo insieme quali tenere in notevole considerazione:

  1. ridurre il tempo di esecuzione di JavaScript: risposte lente alle interazioni sono legate a risorse JavaScript pesanti. Assicurarsi di ottimizzare il modo in cui JavaScript analizza, compila ed esegue attività sulla tua pagina web ridurrà di molto il FID. Comprimere il codice o rimuovere quello inutilizzato è una buona soluzione e, in tal modo, si agevola anche l’ottimizzazione del contenuto per Google: per inserire la pagina nell’indice, il motore di ricerca dovrà elaborare una mole inferiore di codice JavaScript;
  1. ridurre i codici di terze parti: se è vero che sono importanti perché, aggiunti all’HTML, permettono di inserire nel nostro sito un banner pubblicitario, un pulsante social o qualsiasi strumento di analisi, è altrettanto assodato che causino dei ritardi. Per ovviare al rallentamento, possiamo rimuoverli – ma solo se non strettamente utili – o ottimizzarne il processo di caricamento, utilizzando l’attributo “defer” per rimandare l’esecuzione dello script al momento in cui la pagina sarà stata caricata;
  2. minimizzare il lavoro sul thread principale: ogni processo di elaborazione delle risorse risorse si divide in due o più thread. Quello principale del rendering della pagina si occupa di tradurre la maggior parte del codice e, soprattutto, elabora anche gli altri eventi generati dall’utente: se è impegnato in qualcos’altro, quindi, la pagina potrebbe tardare nel rispondere agli input. Si rivela fondamentale alleggerire il suo carico di lavoro per migliorare il FID;
  3. contenere il numero di richieste e ridurre le dimensioni di trasferimento: un numero elevato di risorse da analizzare e da restituire in display, tra blocchi di testo, immagini, documenti, file JavaScript e CSS può davvero rallentare inutilmente il caricamento. E, se questo non viene ultimato velocemente, la reattività del sito ne risente. È opportuno, allora, ottimizzare i codici JavaScript e CSS o le immagini. A tal proposito, web.dev ci viene in soccorso con una raccolta di articoli utili per ridurre il numero delle richieste e le dimensioni dei file.

Misurare la qualità dell’esperienza dell’utente ha molte sfaccettature e prevede interventi approfonditi e fondamentali. Se vuoi ridurre il tempo di inizializzazione del tuo sito ed eliminare i ritardi di input, ricogiti ad un’agenzia SEO per scoprire le tue opportunità di miglioramento.

Richiedi una consulenza SEO

23/07/2021
Team Avantgrade
SEO&SEM

5 piattaforme pubblicitarie alternative a Google Ads

Google Ads è sicuramente uno strumento pubblicitario prezioso per le aziende che vogliono raggiungere potenziali clienti, nonché la prima piattaforma di advertising scelta da molti esperti di marketing che desiderano comunicare a un pubblico mirato con un’ampia rete di annunci personalizzati. Oltre a Google Ads, è…

approfondisci
15/07/2021
Team Avantgrade
SEO&SEM

Disavow Tool: cos’è, come e quando utilizzarlo

Il Disavow Tool è uno strumento che Google ci mette a disposizione per gestire la reputazione del nostro sito web in presenza di difficoltà e problematiche legate ai link in ingresso. Si tratta di uno strumento da utilizzare solo in determinate circostanze. In questo articolo ne…

approfondisci
07/07/2021
Team Avantgrade
SEO&SEM

Local SEO e Google My Business: vantaggi e consigli utili

In un ambiente digitale oggi sempre più competitivo, la Local SEO (uno dei servizi SEO che offriamo ai nostri clienti) rappresenta una grande opportunità per le attività locali di ritagliarsi visibilità nelle SERP (ovvero nelle pagine dei risultati di ricerca di Google) e nelle mappe di…

approfondisci