Google cambia look con le favicon nella Serp

favicon google

L’articolo è stato aggiornato in data 28 gennaio 2020 con la scomparsa delle favicon.

Google ha apportato degli aggiornamenti alla pagina dei risultati di ricerca organici e a pagamento. Da sempre Google lavora per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. L’ultima novità riguarda l’aspetto della pagina dei risultati di ricerca desktop che, a livello visivo, apparirà come quella dei risultati di ricerca mobile.

In un post su Twitter, Google ha affermato:

“L’anno scorso, i nostri risultati di ricerca sui dispositivi mobili hanno acquisito un nuovo aspetto. Questa settimana si sta diffondendo ai risultati desktop, presentando i nomi di dominio del sito e le icone del marchio in evidenza, insieme a un’etichetta in grassetto “Annuncio” per gli annunci “.

Questo nuovo aggiornamento mette in risalto il brand di un sito e vuole aiutare gli internauti a trovare con velocità e facilità le informazioni che stanno cercando e far comprendere loro quale sia la fonte di provenienza.

Cosa sono le favicon

La modifica più evidente che ha portato questo nuovo aggiornamento di Google sono le favicon in ogni risultato di ricerca. Le favicon (contrazione di favorite icon) sono delle piccole immagini o loghi correlati ai contenuti di un sito web. Queste icone appaiono nella pagina dei risultati di ricerca alla sinistra di ogni URL. Le favicon sono visibili solo sui motori di ricerca che ne sono provvisti.

Risultati organici e risultati a pagamento

Se da un lato questo aggiornamento metterà in rilievo le aziende, dall’altro ci sarà una maggiore difficoltà da parte degli utenti nel distinguere i risultati a pagamento da quelli organici. Come per la ricerca organica, i risultati a pagamento avranno l’URL sopra al titolo e in testo nero. Sarà possibile riconoscere le ricerche a pagamento grazie all’etichetta in grassetto nero “annuncio” al posto delle favicon.

Scomparsa delle favicon

Circa due settimane fa Google ha annunciato su Twitter il nuovo aggiornamento della Serp desktop che vedeva l’introduzione delle Favicon per i risultati organici e l’etichetta nera “annuncio” per i risultati a pagamento. Questo aggiornamento ha fatto discutere molto gli addetti ai lavori che hanno esplicitato il loro disappunto al riguardo attraverso varie piattaforme. Nelle ultime ore per alcuni utenti questo aggiornamento è sparito (solo dalla versione desktop; la versione mobile è stata definita a maggio 2019).

Per la prima volta Google ha deciso di fare un passo indietro e procedere con i test. Questa sua mossa potrebbe essere stata causata dall’insoddisfazione da parte degli utenti o da possibili cali dei click degli annunci di Google Ads. Stando alle ultime dichiarazioni della piattaforma, questo aggiornamento sarebbe ancora in fase di sperimentazione al termine della quale verrà definito l’inserimento o la totale cancellazione delle favicon e/o dell’etichetta “annunci”.

Tieniti aggiornato su tutti gli ultimi update di Google per comprendere in modo corretto l’andamento del tuo sito web in Serp.

27/04/2022
Team Avantgrade
SEO&SEM

Sito multilingua: hreflang, struttura e plugin

Disporre di un sito multilingua non è solo importante ma, in alcuni settori, essenziale. Basti pensare, per esempio, al comparto turistico, in cui i potenziali clienti target potrebbero provenire da diverse parti del mondo (e in questo caso diventa fondamentale anche un’ottima gestione di SEO Internazionale).

approfondisci
30/03/2022
Team Avantgrade
SEO&SEM

SEO Report: quali KPI analizzare?

Sapere come fare un Report SEO, che contenga i principali indicatori di performance (KPI) idonei a valutare la qualità di un progetto web, è il primo passo nell’analisi della strategia SEO che hai implementato sul tuo sito: con i dati che contiene, infatti, è possibile capire…

approfondisci
23/03/2022
Team Avantgrade
SEO&SEM

Google sta per introdurre l’eco-sostenibilità come fattore di ranking

Google sta studiando nuove tattiche per incentivare i siti a essere più green, tra cui il miglioramento del posizionamento SEO delle pagine web più eco-sostenibili. Un sito eco-friendly acquisisce quindi maggiore visibilità. Lo ha detto John Muller, Search Advocate di Google, quando gli è stato chiesto su Twitter da Akepa,…

approfondisci