Googlebot scansionerà i siti (anche) via HTTP/2

Googlebot scansionerà i siti via http/2

Google ha annunciato ufficialmente che, da novembre 2020, Googlebot potrà scansionare alcuni siti usando il protocollo HTTP/2.

Si tratta della nuova versione del protocollo HTTP, detta anche h2, che è entrata in uso nel 2015 circa.

Da quel momento, gli utenti che si occupano di sviluppo web hanno iniziato a chiedere a Google se Googlebot potesse scansionare i siti utilizzando la versione più moderna del protocollo.

Finalmente, Google ha risposto con un post sul suo blog ufficiale, dettagliando il nuovo supporto.

Big G ha annunciato che, grazie alla novità, ci saranno notevoli miglioramenti in termini di efficienza, riguardo l’utilizzo di risorse dei server. Questo perché il protocollo richiede l’apertura di meno connessioni TCP:

Googlebot può aprire una singola connessione TCP al server e trasferire così file multipli in parallelo, invece di dover aprire connessioni multiple. Meno connessioni si aprono e meno risorse il server e Googlebot dovranno impiegare per il crawling.

La novità comincerà ad essere disponibile per un numero ridotto di siti web, da novembre 2020, poi Google estenderà il supporto e valuterà la situazione man mano.

Ma come farà Googlebot a scegliere il protocollo di scansione? Tutto dipenderà dal supporto di HTTP/2 da parte del sito e dai benefici che sia il bot che i server ne potranno trarre.

Insomma, se i tuoi server supportano il nuovo protocollo e Googlebot passa spesso a scansionare il tuo sito, allora forse ti verrà reso disponibile l’upgrade. E no, non dovrai preoccuparti di nulla: si occuperà di tutto il bot.

Se vuoi scoprire di più sulla novità a livello tecnico, rimandiamo all’articolo ufficiale degli sviluppatori Google. Se invece vuoi scoprire se i tuoi server supportano HTTP/2, rimandiamo a questo articolo di Cloudflare.

Se invece ha bisogno di una solida consulenza SEO, non esitare a contattarci. Ti consiglieremo come ottimizzare il crawling per il tuo sito e molto altro ancora.

07/12/2022
Team Avantgrade
SEO&SEM

Google Helpful Content Update: l’aggiornamento ora è in tutte le lingue (dicembre 2022)

Ad agosto 2022 Google ha lanciato un nuovo aggiornamento del suo algoritmo volto a promuovere i contenuti di maggior valore per gli utenti. Se fino a ieri questo update si rivolgeva soltanto ai contenuti in lingua inglese, da oggi il motore di ricerca ha annunciato l’espansione…

approfondisci
02/11/2022
Team Avantgrade
SEO&SEM

Keyword Research: usa i social media per trovare nuove parole chiave

Hai mai pensato di utilizzare i social media per la tua Keyword Research? Facebook, Instagram, Youtube, Twitter, TikTok e tutti gli altri social network possono offrire interessantissimi spunti per la ricerca di nuove parole chiave per la tua strategia SEO. Gli utenti spendono in media circa…

approfondisci
20/10/2022
Team Avantgrade
SEO&SEM

Rich snippet: cosa sono, come crearli e sfruttarli nella SEO

Sai cosa sono i rich snippet? Letteralmente, frammenti arricchiti – non sono altro che particolari elementi che si aggiungono ai risultati di ricerca e fanno in modo che l’utente visualizzi informazioni aggiuntive già in SERP, ancora prima di cliccare sul risultato. Entriamo subito nel dettaglio: ti piacerebbe che i…

approfondisci