Prezzi e servizi SEO: guida pratica e consigli per la scelta del tuo fornitore perfetto

Guida ai prezzi e costi SEO
Team Avantgrade
21/10/2020

Non sai come muoverti quando si tratta di scegliere un fornitore SEO?
È qualcosa di molto comune.

Le aziende, infatti, vengono costantemente contattate da ogni sorta di agenzia o consulente SEO che, poi, promettono risultati mirabolanti e in poco tempo.

Quando cerchi il partner perfetto può essere difficile sapere come confrontare prezzi e servizi SEO.

La verità è che ci sono innumerevoli fattori che entrano in gioco, quando si seleziona il giusto fornitore SEO. E oggi parleremo proprio di questo.

In questa guida pratica scoprirai:

  • Cosa pensa Google della SEO
  • A cosa prestare attenzione quando si seleziona un fornitore
  • I tipi di servizi che puoi aspettarti da un’agenzia o un consulente SEO
  • I fattori che possono influire sui prezzi della SEO

INDICE: 

Come Google vede la SEO: una partnership bidirezionale

Nel corso degli anni, il settore dell’ottimizzazione per i motori di ricerca ha visto la sua giusta quota di “venditori di fumo” – personaggi discutibili che vendono servizi SEO fraudolenti o che forniscono poco o nessun valore a un’azienda (o che magari la danneggiano).

Google è ben consapevole delle pratiche di spam che mirano a ingannare l’algoritmo, motivo per cui ha creato le sue Linee guida per webmaster ufficiali. Dei buoni partner SEO le dovrebbero rispettare sempre.

Se da una parte Google ha lavorato duramente per eliminare chi gioca sporco, dall’altra comprende anche il valore della SEO di qualità.

Questo perché la SEO ben fatta porta grandi vantaggi a un sito web, attraverso pratiche che lavorano a favore dei motori di ricerca, per aiutarli a fare un lavoro migliore.

Dopo tutto, la priorità principale dei motori è far emergere il risultato migliore e più pertinente per una certa query di ricerca. E la SEO può aiutare i siti web a raggiungere quell’obiettivo.

Ecco un video su come scegliere  un partner SEO, che arriva direttamente da Google e dove si dice:

Una regola di base è che, nella maggior parte dei casi, lavorare bene per la SEO significa anche fare soddisfare i tuoi clienti online. Come ad esempio avendo un sito web ottimizzato per i dispositivi mobili, una buona navigazione e potenziando il proprio brand.

Nel corso degli anni, Google ha intrapreso anche una fruttuosa collaborazione con la comunità SEO mondiale. Quindi sappiamo che Google approva il fatto che un’azienda assuma un partner SEO onesto, per migliorare un sito web e offrire una buona esperienza utente.

Cosa cercare in un fornitore SEO

Quando cerchi un partner per dei servizi SEO, scegli sempre un esperto di marketing appassionato e competente.

Ricorda che l’obiettivo è posizionarsi in alto nei risultati di ricerca. Apparire nelle prime tre posizioni, avendo contro milioni di pagine concorrenti, non è un’impresa facile. Richiede molta esperienza SEO e una mentalità votata alla qualità.

Non puoi scendere a compromessi su queste due qualità o, semplicemente, non otterrai risultati: assumere partner a buon mercato è un azzardo e la fortuna può non sorridere. Un compromesso, spesso, è uno spreco di denaro.

Ecco gli aspetti chiave circa dei buoni partner SEO:

  • Hanno una mentalità di marketing e comprendono il marketing digitale in modo olistico?
  • Hanno una buona reputazione e competenza?
  • Sono disposti ad impegnarsi per lungo tempo?

La mentalità di marketing

No, i SEO non sono solo professionisti super tecnici che capiscono solo la SEO (almeno, non dovrebbero). Un buon fornitore di SEO dovrebbe capire in che modo l’ottimizzazione si inserisce in un quadro più ampio, quello del marketing per il tuo business e concentrato sul tuo pubblico target.

Ciò significa comprendere la tua attività a 360° e anche capire le persone a cui stai cercando di vendere. Questo ha impatto su tutta la SEO, dalla ricerca di parole chiave alla navigazione del sito, alla creazione di contenuti e oltre.

L’altra cosa da considerare è che la SEO non è un compartimento stagno: influisce su altre aree del tuo marketing digitale e viceversa.

Per essere più efficaci, le aziende non dovrebbero mettere tutte le uova nello stesso paniere, facendo affidamento su un solo tipo di marketing digitale come SEO, PPC o altro. E dei buoni fornitori SEO dovrebbero essere d’accordo.

Tutti questi aspetti, insieme, lavorano in simbiosi per far crescere il tuo marketing, il tuo brand e la tua visibilità online.

Competenza e reputazione

La reputazione si guadagna, richiede esperienza e quest’ultima si basa su investimenti significativi.

Tieni presente che alcune agenzie di marketing digitale riescono a sostenere grossi volumi di lavoro assumendo personale di livello base. Spesso a questi dipendenti vengono dati titoli SEO gonfiati, ma è improbabile che abbiano una conoscenza davvero significativa. In altre parole, l’azienda dà un titolo per ingannare il consumatore, facendogli credere di aver accesso a un grande volume di esperienza.

Questo è il motivo per cui la competenza è una delle cose più importanti che devi cercare. Detto questo, l’esperienza e la conoscenza possono essere costose.

Tieni presente che Google apporta migliaia di modifiche alla sua ricerca ogni anno e ha migliaia di persone pagate per “inventare” nuove caratteristiche legate al motore.

Un esperto SEO di qualità trascorre almeno alcune ore alla settimana per tenersi aggiornato sul settore e sui vari trend.

Non esiste un modello standard per il marketing digitale, quindi il ciclo dovrebbe essere sempre il seguente: apprendere, testare e misurare. Avere un fornitore SEO a tutto tondo è fondamentale.

Ecco alcune domande che puoi porre, per valutare l’esperienza e la reputazione di un potenziale fornitore:

  • Da quanto tempo lavora sulla SEO?
  • Il team interno ha competenze ed esperienza sufficienti?
  • L’azienda dimostra autorevolezza attraverso contenuti o offerte di formazione?
  • L’azienda ha una buona reputazione tra i suoi pari nel settore?
  • L’azienda ha ricevuto premi o riconoscimenti?
  • Quanto è coinvolta l’azienda nelle organizzazioni professionali del settore e/o nella comunità professionale?
  • L’azienda dispone di metodi SEO conformi alle linee guida sulla qualità di Google (note anche come pratiche “white hat”)?
  • Che tipo di clientela serve l’agenzia SEO?
  • Che tipo di risultati ha ottenuto il fornitore di SEO per i suoi clienti, attraverso la sua metodologia?
  • Come si relaziona rispetto ai prospect? Dà la sensazione di offrire valore o gli interessa solo vendere?
  • Come lavora con i nuovi clienti? Ha processi formali di onboarding per garantire che tutto fili liscio? Ha account manager dedicati in modo che la comunicazione rimanga aperta? Offre formazione sui suoi servizi?

Impegno SEO a lungo termine

Un buon fornitore di SEO vorrà lavorare con te per tutto il tempo necessario per ottenere risultati. Ciò non significa che dovresti sentirti legato, se il consulente SEO esegue attività senza senso.

La SEO è un lavoro che si compone di molte fasi diverse, a seconda della situazione del tuo sito web quando inizi a lavorare col fornitore. 

Ad esempio, potresti essere stato penalizzato da Google ed è un aspetto che deve essere affrontato prima di ogni altra cosa.

Oppure, potresti essere nel bel mezzo di una riprogettazione del sito e devi coinvolgere un SEO per assicurarti che il sito web parta col piede giusto.

I risultati a volte possono richiedere tempo e, in ogni caso, dovrebbero essere dimostrabili.

I buoni partner SEO saranno sempre alla ricerca di nuovi modi per migliorare il tuo sito, su base regolare.

In altre parole, il tuo fornitore di SEO non dovrebbe darti l’impressione di seguirti solo per guadagnare.

Sebbene non essere vincolati a un contratto a lungo termine possa sembrare un plus, è importante capire che serve un certo lasso di tempo per ottenere risultati. Anche Google lo riconosce.

Nel video di Google condiviso più sopra, si dice che:

Nella maggior parte dei casi, il SEO avrà bisogno di quattro mesi o un anno per aiutare la tua azienda a implementare i miglioramenti e per iniziare a vedere i potenziali benefici.

Fornitori SEO: segnali di avvertimento

La maggior parte del processo di valutazione di un partner SEO è tua. Devi assicurarti di essere dotato delle conoscenze e delle domande per trovare la soluzione migliore.

Google sottolinea alcuni comportamenti da cui diffidare, come ad esempio:

  • Aziende SEO e consulenti web o agenzie che ti inviano e-mail di punto in bianco
  • Garanzia di posizione numero 1 su Google
  • Segretezza o assenza di chiarezza nello spiegare cosa intendono fare

Ecco il nostro elenco di aspetti a cui prestare attenzione quando si assume un SEO:

  • Agenzia che sottolinea i link come principale punto di forza della propria strategia SEO. Naturalmente, ci sono aziende che lavorano per ottenere collegamenti organici attraverso la qualità e aziende specializzate nell’analisi dei profili link per sbarazzarsi di quelli negativi. Di solito, sono approcci validi. Ma se il fornitore si occupa solo di acquistare o vendere link, allora lascia perdere;
  • Agenzia il cui lavoro viene svolto altrove. Non ti servono dei SEO la cui lingua e cultura madre non è la stessa o l’obiettivo della tua azienda;
  • Agenzia con la SEO a buon mercato. Potrebbero pensare poco alla qualità, alla formazione e altro. La SEO troppo economica può anche danneggiare la tua attività;
  • Azienda che promette “posizionamenti top”. È estremamente difficile da garantire e la stessa promessa sta essenzialmente sminuendo la difficoltà di una SEO ben fatta.

Inoltre, assicurati di:

  • Chiedere referenze se non conosci la loro reputazione.
  • Vedere se ci sono clienti insoddisfatti
  • Trovare recensioni online sull’agenzia

Quali servizi dovresti aspettarti da un SEO?

Ancora una volta, diverse agenzie o consulenti hanno diverse offerte di servizi: dalla formazione e servizi SEO, alla SEM, al Social Media Marketing e molto altro.

A seconda della situazione in cui si trovano il tuo sito web e la tua attività (e questa è una valutazione che dovrebbe fare il tuo partner), la strategia SEO potrebbe variare.

Potresti, ad esempio, iniziare con un audit SEO: spesso è il modo migliore per valutare il sito oggi, in modo che il tuo fornitore possa consigliarti un percorso strategico e i passaggi successivi da intraprendere.

Alcuni servizi per i quali potresti considerare un fornitore SEO includono:

  • Valutazioni e audit SEO del tuo sito: sono analisi approfondite che identificano in fretta le aree in cui è possibile apportare miglioramenti. Questo servizio consente alle aziende di apprendere rapidamente i fattori che i motori di ricerca ritengono importanti quando “giudicano” il loro sito web. A volte, l’azienda è responsabile dell’implementazione delle modifiche, altre volte il partner può farlo per te;
  • Valutazioni delle penalizzazioni: queste analisi, in particolare, hanno lo scopo di identificare dove sono necessarie attività per superare un calo nel ranking. Il fornitore aiuta a identificare cosa ha causato la penalità (di solito correlata a Google Penguin, Panda o altri aggiornamenti dell’algoritmo) e riceve una “roadmap” che definisce procedure utilizzabili per correggere i problemi del sito;
  • Consulenza SEO: spesso, il fornitore fornirà servizi di consulenza SEO a ore o con un fisso, da utilizzare ogni volta che hai una domanda importante o hai bisogno di maggiori competenze su un problema complesso che interessa il tuo sito web;
  • Servizi SEO, pacchetto completo: questo può avere significati diversi con fornitori diversi, ma dovrebbe includere una combinazione di consulenza, formazione SEO, servizi gestiti dal partner, inclusa l’implementazione di miglioramenti e altro ancora;
  • SEO locale: questi tipi di servizi SEO sono incentrati sulle esigenze specifiche delle aziende locali, che devono essere trovate online da persone nell’area geografica in cui operano;
  • Audit del contenuto del sito web: il contenuto è la spina dorsale di qualsiasi buon servizio SEO e un suo audit può identificare i punti di forza e di debolezza dei contenuti, consigliando come renderli più adatti al tuo pubblico e ai tuoi obiettivi SEO;
  • Creazione di contenuti: per diventare una scelta rilevante per una determinata query e per essere visualizzato in SERP, un sito web deve offrire contenuti mirati e di qualità a supporto della sua strategia SEO. I servizi di creazione di contenuto possono darti una bella spinta;
  • Gestione PPC: SEO e SEM vanno a braccetto in modo perfetto. Insieme, consentono una maggiore visibilità in SERP, per evidenti motivi.

Come vengono decisi i prezzi nel mercato SEO

Hai deciso quale tipo di servizi SEO stai cercando? Bene.

La tua prossima domanda è probabilmente sui prezzi.

Il costo della SEO può variare in base a molti fattori. Ad esempio se si tratta di un’agenzia rispetto a una società di consulenza, in base alla posizione geografica, agli anni di attività, alla reputazione, alle dimensioni e altro ancora.

Pensa ai costi di una tipica giornata in un’agenzia SEO. C’è il tempo dedicato all’aggiornamento, alla formazione e alla gestione dei progetti: tutto questo deve essere incluso nei piani di ogni cliente. 

Tu, come cliente, ti aspetti risposte? Ti aspetti report? Ti aspetti uno o più servizi?

Se vuoi tutto questo, allora metti in conto un investimento di tempo da parte del partner.

Per fare la differenza, il tuo fornitore SEO dovrebbe dedicare molto tempo a quegli aspetti che che contano per offrire un ottimo servizio SEO. Dovrebbe fornire servizi professionali che garantiscano la massima qualità.

Chi fa economia probabilmente ti riserverà un’esperienza poco soddisfacente.

Prezzi: agenzie SEO e consulenti

Ci sono differenze riguardo a quanto può costare una consulenza SEO rispetto a un’agenzia SEO.

In generale, i consulenti non hanno le stesse spese delle agenzie. I consulenti SEO possono avere costi operativi minimi, ma possono anche essere vincolati dalle ore del giorno in cui possono lavorare, il che a sua volta influisce sui prezzi. Spesso i consulenti hanno un lavoro che li impegna tutto il giorno o lo fanno come lavoro secondario.

Altri fattori che possono influire sui prezzi di un consulente SEO sono gli anni di esperienza, la reputazione e così via.

Un’agenzia, invece, deve recuperare non solo il costo dell’individuo che lavora al progetto, ma anche il costo della gestione del team e di altre spese legate all’attività, come gli affitti, le utenze, le attrezzature e altro.

Altri fattori che possono influire sui prezzi di un’agenzia SEO sono gli anni di attività, il livello di competenza del personale, l’accesso a diverse specializzazioni, la formazione continua per rimanere al passo con i cambiamenti dei motori di ricerca e altro ancora.

Il costo della SEO esterna: questione di sfumature

Il confronto tra i fornitori SEO può essere complicato. Non esiste uno standard di servizio e per la misurazione dei risultati: capiamo che ciò possa confondere il potenziale cliente circa cosa dovrebbe acquistare.

Può essere facile lasciarsi coinvolgere nella comparazione dei prezzi, durante la ricerca del fornitore giusto. Come hai potuto constatare, però, ci sono diversi fattori che influenzano i costi della SEO.

Quando cerchi il partner perfetto, infine, gli aspetti principali che dovresti considerare sono:

  • L’etica dell’azienda e se segue le linee guida dei motori di ricerca
  • Il livello di competenza, inclusi gli anni di pratica sul campo, la reputazione, le competenze e la conoscenza storica del settore
  • I servizi offerti e se offre solo specialisti o la possibilità di mettere in atto un programma di marketing digitale più ampio
  • Il tipo di azienda: è una consulenza o un’agenzia? 

Se stai cercando un partner per la tua SEO (e non solo), contattaci: siamo aperti a discutere delle tue necessità e aiutarti nelle tue attività digital.

Ricevi gratis nella tua email le migliori guide, articoli e insights su SEO, SEM, Analytics e Digital Marketing!

Team Avantgrade
04/12/2020

Cosa cercano i tuoi clienti su Google? Scopriamo le tipologie di query

Parole differenti producono risultati differenti: è questo uno dei principi cardine che determina quali risultati e in che posizione vengono mostrati nelle pagine di ricerca di Google. Ciò accade perché le query, ovvero le parole digitate nella casella di ricerca, non sono tutte uguali: a seconda di come sono composte,…

approfondisci
Team Avantgrade
02/12/2020

User experience e SEO: cosa cambia nel 2021

A maggio 2020, un annuncio di Google ha scosso il mondo della SEO (come periodicamente accade, d’altronde): a partire da maggio 2021, infatti, entreranno in vigore dei nuovi fattori di ranking legati alla valutazione UX del sito. L’importanza di questo annuncio è epocale, poiché il nuovo…

approfondisci