Rich snippet: cosa sono, come crearli e sfruttarli nella SEO

rich snippet: definizione, esempi, come aggiungerli al sito

Sai cosa sono i rich snippet? Letteralmente, frammenti arricchiti – non sono altro che particolari elementi che si aggiungono ai risultati di ricerca e fanno in modo che l’utente visualizzi informazioni aggiuntive già in SERP, ancora prima di cliccare sul risultato.

Entriamo subito nel dettaglio: ti piacerebbe che i tuoi contenuti appaiano tra i risultati di Google in questo modo?

Invece che semplicemente così?

Risultati di ricerca senza rich snippet

Se la risposta è sì e il tuo obiettivo è aumentare il CTR e la qualità dei contenuti con cui appari tra i risultati di Google, continua a leggere questo articolo e vediamo insieme cosa sono i Rich Snippet, come si creano per WordPress e altre piattaforme quali sono le linee guida Google sui dati strutturati, necessari per ottenere i rich snippet.

Indice

Differenze tra rich snippet, rich result e SERP features

Partiamo col dire che la quasi totalità dei risultati di ricerca presenta solo tre dati: 

  • tag title;
  • meta description;
  • URL.

In altri casi, il motore di ricerca aggiunge in SERP informazioni supplementari: come possiamo sapere se si tratta effettivamente di un rich snippet? E quali altre alternative esistono? 

Facciamo una rapida distinzione tra rich snippet, rich result e SERP features, in modo da rendere più chiare le differenze e maggiormente specifiche le informazioni che potranno tornarci utili:

  1. I rich snippet sono normali risultati di ricerca che mostrano informazioni aggiuntive oltre al titolo, alla meta description e all’URL;
  2. I rich result sono un po’ più completi e articolati: includono, infatti, qualsiasi risultato graficamente migliorato grazie alle informazioni estrapolate dai dati strutturati. In altri termini, quello che finora abbiamo genericamente definito come rich snippet molto spesso è un rich result, di cui il rich snippet fa parte. Siamo quasi alla “filosofia della SEO”, vero, ma sempre meglio essere precisi; 
  3. Le SERP features sono tutti gli elementi presenti in SERP che forniscono informazioni utili agli utenti, ma non riconducibili al tradizionale link, come per esempio gli annunci di Google Ads, il box delle news o il Knowledge Panel.

A scanso di equivoci, precisiamo anche che, ai fini pratici, non esistono grandi differenze tra i primi e i secondi, e che, soprattutto, non sono diverse le conseguenze che generano per i titolari dei siti internet. Diverso il discorso per le features generali presenti in SERP, con le quali molto spesso Google fornisce risposte dirette a quesiti brevi, che soddisfano le esigenze informative degli utenti senza bisogno che accedano ai singoli siti web.

Principali tipologie di rich snippet

Quali sono, dunque, le principali tipologie di rich snippet? Su Schema.org possiamo trovarne davvero a decine, con diversi livelli di approfondimento. Vediamo le più diffuse e quelle più comunemente utilizzate. 

Rich Snippet: ricette

Il markup include il tempo di cottura, le recensioni della ricetta e un’immagine esemplificativa.

Esempio rich snippet ricette

Rich Snippet: prodotto

Il markup ne mostra il prezzo, la disponibilità a magazzino e, talvolta, l’immagine di anteprima.

esempio rich snippet prodotto

Rich Snippet: recensioni

I dati strutturati fanno vedere le classiche “stelline” in SERP. In questo caso, menzioniamo anche le recensioni aggregate, che le ripropongono in forma sintetica attraverso un voto medio espresso nella scala da 1 a 5.

Esempio rich snippet recensione

Rich Snippet: organization

Questo markup comunica a Google le informazioni più importanti su un’azienda o un’entità, tra cui anche l’indirizzo, il logo e i contatti. Le informazioni presenti nei dati strutturati di Organization vengono utilizzate anche per creare il Knowledge Panel.


Rich Snippet: video

Tenendo presente che Google non riesce a “vedere” il video caricato in una pagina, grazie al markup è possibile descriverne il contenuto.

esempio rich snippet video

Rich Snippet: events

Utilissimo per fornire informazioni come il luogo in cui si terrà un evento, la data e gli orari dello stesso.

esempio rich snippet events


Come scegliere i rich snippet giusti e implementarli

La scelta dei dati strutturati ottimali da inserire nelle nostre pagine non può essere lasciata al caso: dobbiamo, infatti, sapere che ci sono ricorrenze e similitudini tra portali dello stesso tipo. Di solito, i dati strutturati sono classificati per tipologia di contenuto, il che implica anche un ordinamento, quasi implicito, per tipologia di sito web. 

 Per esempio, è ovvio che un e-commerce debba implementare i dati strutturati del Type Product nelle pagine prodotto, così come è doveroso che ci siano anche quelli relativi alle Review, se le recensioni sul sito web sono attive e presenti.

Tutto dipende, quindi, dal contenuto della singola pagina, oltre che del sito in generale. Non è detto, infine, che una tipologia di pagina non possa variare da sito a sito. Restando sull’esempio precedente, un e-commerce può avere schede prodotto senza recensioni, ma con dei video dimostrativi creati ad hoc per spiegare il funzionamento dell’oggetto in vendita. In questo caso, non andremo a implementare Review, ma aggiungeremo senz’altro i dati strutturati per il Video.

Metodi di implementazione

Per inserire correttamente i dati strutturati, esistono diverse alternative: molto dipende dalle proprie preferenze e/o capacità di mettere mano al codice.

La prima soluzione consiste in un’implementazione dinamica che non preveda l’ausilio di plugin o componenti esterni, ma solo l’aggiunta delle opportune righe di codice nelle pagine interessate

Molto valida è anche la possibilità di sfruttare le infinite potenzialità di Google Tag Manager, grazie al quale si può ottenere il medesimo risultato e lo stesso livello di efficienza. 

L’opzione alternativa prevede il ricorso a plugin, estensioni e componenti aggiuntivi: sono molto più semplici da usare, ma spesso meno personalizzabili e più impattanti sulle perfomance; tra i più noti, Yoast SEO e Rank Math.

Per maggiore completezza, facciamo tre precisazioni:

  1. è preferibile usare il formato JSON-LD per l’inserimento dei dati strutturati (qui la raccomandazione ufficiale di Google);
  2. dopo averli caricati, è necessario accertarsi che l’operazione sia andata a buon fine testando la pagina con l’apposito strumento messo a disposizione da Google;
  3. è essenziale non utilizzare i dati strutturati con fini manipolativi e promozionali, ovvero non forzare l’inserimento del markup solo con l’obiettivo di ottenere un rich result.

I rich snippet aiutano la SEO?

I rich snippet possono migliorare il posizionamento organico della pagina? Secondo quanto indica Google, i rich snippet non sono un fattore di posizionamento SEO, ma possono aiutare il motore di ricerca a capire meglio il contenuto della pagina (e questo può effettivamente migliorare la visibilità organica). Inoltre, un risultato arricchito da rich snippet è più accattivamente e di sicuro catturerà maggiormente l’attenzione dell’utente, che sarà portato a cliccarci.

Possiamo quindi dire che la presenza di risultati arricchiti incida positivamente sul CTR, quindi sulla percentuale di clic sul risultato in rapporto al numero di visualizzazioni. 

Ciò vuol dire che, quando otteniamo un rich snippet, molte più persone accedono al nostro sito. Non male come punto di partenza, vero? 

Ma non è tutto.

Non dobbiamo dimenticare, infatti, che se il sito è fatto bene, è performante, fruibile, risponde in maniera adeguata alle esigenze dell’utente, questi sarà portato a navigarlo, trascorrerà molto tempo sulle pagine e sarà naturalmente indirizzato verso gli obiettivi di business che ci siamo prefissati – per esempio, la vendita di un prodotto o la lead generation.

Conclusioni

In definitiva: è un azzardo affermare che i rich snippet, in determinate condizioni, possano incidere indirettamente sul fatturato aziendale? Assolutamente no! Come abbiamo visto, aumentando il CTR aumenta il traffico al sito e quindi le possibilità di vendere e guadagnare clienti.

Non sono necessari, allora, altri motivi per decidere di aggiungere i dati strutturati al codice delle tue pagine!

Se hai bisogno di un supporto tecnico per capire come integrare questa tipologia di dati all’interno del tuo sito web, o più in generale desideri migliorare la tua visibilità online e la qualità dei risultati di ricerca per cui appari, fissa una call assieme a noi:

I nostri consulenti SEO con più di 11 anni di esperieza sapranno consigliarti al meglio le attività da svolgere per ottenere i migliori risultati.

AvantGrade.com | Servizi SEO

Articolo scritto in collaborazione con Carmine P.

07/12/2022
Team Avantgrade
SEO&SEM

Google Helpful Content Update: l’aggiornamento ora è in tutte le lingue (dicembre 2022)

Ad agosto 2022 Google ha lanciato un nuovo aggiornamento del suo algoritmo volto a promuovere i contenuti di maggior valore per gli utenti. Se fino a ieri questo update si rivolgeva soltanto ai contenuti in lingua inglese, da oggi il motore di ricerca ha annunciato l’espansione…

approfondisci
02/11/2022
Team Avantgrade
SEO&SEM

Keyword Research: usa i social media per trovare nuove parole chiave

Hai mai pensato di utilizzare i social media per la tua Keyword Research? Facebook, Instagram, Youtube, Twitter, TikTok e tutti gli altri social network possono offrire interessantissimi spunti per la ricerca di nuove parole chiave per la tua strategia SEO. Gli utenti spendono in media circa…

approfondisci
13/09/2022
Team Avantgrade
SEO&SEM

Google Core Update settembre 2022: tutte le novità

Google ha annunciato il 12 settembre 2022 l’inizio di un nuovo aggiornamento generale del suo algoritmo. Si tratta del secondo Core Update dell’anno (il primo Core Update 2022 è di maggio). Vediamo tutto quello che c’è da sapere sul nuovo aggiornamento e le novità che introduce.

approfondisci