Brand Essence: analizza l’anima della tua azienda in 5 step

brand-essence

La qualità del bene o del servizio offerto ai clienti è un elemento imprescindibile per il successo di un business, ma non è l’unico aspetto di cui tener conto. Ci sono elementi intangibili altrettanto importanti, utili (se non indispensabili) per conquistare il tuo cliente.

Quali sono questi aspetti e come inserirli in una strategia di digital marketing? In questo articolo analizziamo il concetto di brand essence in 5 step e ti forniamo un modello scaricabile per definire correttamente l’essenza del tuo marchio.

Indice

Cos’è la brand essence e a cosa serve

Con il termine “brand essence” ci si riferisce a un insieme di elementi intangibili che determinano l’anima e il cuore della marca, o come dice la parola stessa: la sua essenza.

La brand essence è “tutto ciò che bisogna sapere” sulla personalità di un brand. I concetti che ne fanno parte descrivono la sua promessa nei confronti dei consumatori.

Definita così, può sembrare un’insieme di elementi astratti e forse poco utili al business, ma la realtà è ben diversa: essere consapevoli dell’essenza della marca è fondamentale per guidare le scelte di marketing in una direzione piuttosto che in un’altra, prendere decisioni coerenti e soddisfare le aspettative dei clienti.

Per fare un esempio concreto, un brand che si definisce ecosostenibile dovrà agire in coerenza con questa sua qualità. Valuterà quindi l’impatto ambientale dei propri prodotti in maniera più consapevole: dal packaging, alla filiera produttiva, alle partnership con altri marchi e realtà esterne all’azienda.

Marketing analysis

Tuttavia, la brand essence non serve soltanto a prendere decisioni di marketing coerenti e consapevoli, ma anche a comunicare esternamente ai propri consumatori il mondo dei valori della marca, in modo tale da fidelizzare e affezionare quella fetta di clienti (o potenziali tali) che si identificano maggiormente con gli attributi del brand. Non intendiamo dire che la brand essence debba essere esplicitata ai propri clienti (si tratta di un contenuto interno e prezioso, che le aziende solitamente non condividono esternamente), ma che il modo di comunicare e agire del brand debba rispecchiare la sua essenza, che prenderà così forma nella mente dei consumatori.

Tornando all’esempio precedente: una persona attenta all’ambiente prediligerà la scelta di prodotti ecosostenibili perchè maggiormente in linea con il proprio pensiero e stile di vita. Un brand che si definisce ecosostenibile, quindi, arriverà prima al cuore del consumatore non perchè si definisce tale, ma perchè agisce considerando questa sua qualità.

La marca diventa “un’amica”, con una propria personalità, un carattere e degli attributi che la descrivono.

Come identificare la brand essence: i 5 step

Abbiamo capito cos’è la brand essence, ma cosa fare per definirla correttamente? Questo processo potrebbe sembrare semplice, ma non lo è. Necessità di una visione chiara e precisa dell’identità della marca. A volte è necessario incrociare differenti punti di vista per stabilire con esattezza qual è l’anima del brand.

Vogliamo aiutarti in questo processo descrivendoti i 5 step fondamentali per identificare correttamente la brand essence della tua azienda.

1. Target consumer

La prima cosa da fare, è capire chi sono i tuoi clienti target. Chi acquista i tuoi prodotti o servizi? Come descriveresti, sia a livello anagrafico che caratteriale, i tuoi clienti?

Facciamo degli esempi: se vendi scarpe sportive online, il tuo target consumer potrebbe essere definito come un uomo o una donna che ama fare sport, con una predilezione per gli acquisti online e una capacità di spesa in linea con la fascia di prezzo dei tuoi prodotti. Oppure, se vendi software per aziende, il tuo target audience sarà composto da manager o quadri che lavorano in settori potenzialmente interessati dal software che proponi, inclini a conoscere nuovi strumenti e a poter investire nel tuo prodotto.

Definisci più precisamente possibile il tuo cliente (o prospect), specificandone più dettagli possibili: socio-demografici, professionali e personali. Questa operazione ti sarà utile non soltanto per stabilire la tua brand essence, ma anche per valutare ogni tua azione di comunicazione.

Target di riferimento

2. Attributes

La seconda cosa da fare, è stendere una vera e propria lista di attributi validi a identificare e descrivere la marca.

Ma che cosa si intende per “attributi”? Per rispondere a questa domanda, te ne poniamo un’altra: immagina che qualcuno stia scrivendo una storia, un articolo di giornale, una presentazione sulla tua azienda e ti chieda di descriverla in poche semplici parole, tu come la descriveresti?

Torniamo agli esempi precedenti: se l’e-commerce di scarpe sportive avesse 10 anni di attività alle spalle e centinaia di clienti soddisfatti, alcuni suoi attributi potrebbero essere questi:

  • Da 10 anni, uno dei principali e-commerce di scarpe sportive in Italia
  • Materiali di qualità che garantiscono prestazioni sportive eccellenti
  • 80% di clienti soddisfatti che compie un secondo acquisto

Stilare gli attributi di un brand potrebbe non essere così semplice: c’è bisogno di conoscere la storia del marchio e di valutarne le principali caratteristiche.

3. Brand Benefits

Da non confondere con gli attributi, i benefici di un brand sono le qualità che differenziano maggiormente il tuo marchio dai concorrenti. Cosa fai che gli altri non fanno? Perchè un consumatore dovrebbe scegliere proprio il tuo prodotto?

I brand benefits non possono essere una lunga lista: avere anche solo un elemento di distinzione può essere sufficiente a identificarti e soprattutto a differenziarti dalla concorrenza.

Stabilire i benefici del tuo brand è un fattore altamente importante a fare breccia nel giusto target, dimostrando cosa puoi offrire in più di tutti gli altri.

4. Brand Personality

Il quarto punto è forse il più divertente dell’analisi della Brand Essence: è il momento in cui bisogna stabilire la personalità della marca. Per farlo, è necessario rispondere a una specifica domanda: se la marca fosse una persona, che carattere avrebbe?.

Ed è qui che bisogna immaginare di sedersi al tavolo con il proprio brand e pensare a quale tipo di serata si passerebbe assieme. Immagina la personalità del tuo marchio. Riesci a identificarla?

Creare una strategia di link building per eCommerce

5. Core Essence

Il quinto step dell’analisi è anche quello più importante (e difficile) da chiarire: la core essence infatti tenta di descrivere in un’unica frase qual è lo scopo del brand, qual è la promessa che fa ai suoi clienti.

Non è affatto semplice racchiudere il mondo della marca in un’unica frase. Per questo la Core Essence, per essere correttamente formulata, ha bisogno di tempo e differenti visioni, che andranno a incrociarsi fino a costruire la frase principale che descrive la missione della marca.

Tornando al negozio di scarpe dei nostri esempi, la core essence potrebbe essere formulata così: “Forniamo lo strumento indispensabile per ottenere performance sportive eccellenti“.

Questa è la promessa che il negozio di scarpe sportive online fa ai suoi clienti: li aiuta a migliore le proprie prestazioni. E la tua azienda, quale promessa fa ai suoi clienti?

Scarica il modello

Dopo aver analizzato i 5 step fondamentali per stabilire la brand essence del tuo marchio, ti forniamo il nostro modello gratuito e scaricabile, che potrai utilizzare per analizzare in maniera approfondita l’essenza del tuo marchio, e definirla concretamente.

Scarica il modello

Conclusioni

Abbiamo visto come analizzare e definire la brand essence, quali sono i passaggi fondamentali e ti abbiamo fornito un modello scaricabile per provare a formulare la brand essence del tuo marchio.

Una volta che l’avrai stabilita, ti sarà più facile anche capire come comunicare, quali azioni di marketing sono più in linea con l’identità del tuo brand, quali sono i corretti step della tua strategia futura. Questo vale sia per il marketing tradizionale, che per il digital marketing.

Se hai bisogno di supporto nell’organizzare la tua digital strategy, affidati a un’agenzia che possa supportarti: raccontaci il tuo progetto. Saremo felici di aiutarti!

Fissa una call

08/07/2021
Team Avantgrade
Digital Marketing

eCommerce B2B: cos’è, differenze con il B2C e trend

Quando si parla di shop digitali, il modello che viene subito in mente è quello B2C, rivolto cioè al consumatore finale. Ma anche gli eCommerce B2B sono ecosistemi virtuosi di vendita di prodotti o servizi, e stanno registrando un’importante crescita. Come per qualsiasi altro modello di business, il successo sul…

approfondisci
01/07/2021
Team Avantgrade
Digital Marketing

Creare un eCommerce con Prestashop: pro, contro e consigli utili

Una delle scelte più delicate per un eCommerce riguarda iI CMS, ovvero la piattaforma dedicata alla gestione del sito, dal momento che impatta in modo decisivo sul futuro del proprio business online. Sul mercato ce ne sono molti (abbiamo già analizzato i migliori CMS per eCommerce),…

approfondisci
30/06/2021
Team Avantgrade
Digital Marketing

Google rinvia il blocco dei cookies di terze parti al 2023

Google ha deciso di rinviare al 2023 il blocco dei cookies di terze parti in Chrome, secondo quanto riporta un annuncio ufficiale del motore di ricerca del 24 giugno 2021. Vediamo più nel dettaglio cosa sta succedendo e soprattutto cosa accadrà in futuro sul tema dei cookies. Indice…

approfondisci