Cosa cambia nelle regole YouTube

Team Avantgrade
16 Luglio 2019

Da sempre YouTube si impegna per offrire i migliori servizi possibili ai propri clienti, garantendo trasparenza e comunicazione.

Dal 22 luglio 2019 verranno apportate alcune modifiche nelle sue condizioni d’uso, nello specifico nei Termini di servizio in Europa e in Svizzera per facilitare la comunicazione tra il portale e gli utenti.

Ma quali modifiche verranno apportate? Quali conseguenze avranno questi cambiamenti? Il portale YouTube che siamo abituati ad utilizzare cambierà radicalmente?

È importante fare un po’ di chiarezza per comprendere a pieno quali saranno le modifiche e quali ripercussioni avranno sul nostro utilizzo della piattaforma.

Le norme generali di Youtube

Tutte le norme di YouTube sono state riviste e rese più chiare e comprensibili per garantire una comunicazione trasparente con gli utenti.

Tutti quei dettagli che prima venivano considerati di secondaria importanza, come le società consociate con YouTube, sono state specificate e messe in prima linea nelle norme aggiornate.

Quando le modifiche verranno attuate, verrà fatta una netta distinzione tra i termini degli utenti aziendali e quelli dei consumatori.

Inoltre dal 22 luglio YouTube invierà notifiche ai propri utenti per informarli delle novità o di eventuali modifiche nei Termini d’uso.

Limiti di età

YouTube desidera salvaguardare i propri utenti e limitare la visione di determinati contenuti al pubblico dei minori.

All’interno delle nuove norme, YouTube ha specificato i limiti di età in ogni paese, in linea con quelle che sono le regole di Google.

Se un minorenne desidera utilizzare il portale, è necessaria l’autorizzazione di un genitore o di un tutore legale che abbia piena coscienza delle sue responsabilità (i termini possono essere letti in una sezione dedicata alle responsabilità dei maggiorenni).

I contenuti dell’utente

Questo nuovo aggiornamento vedrà il chiarimento delle norme sulla licenza dei contenuti, senza richiedere ulteriori autorizzazioni da parte degli utenti.

La licenza relativa ai contenuti avrà una durata più chiara, oltre la quale Youtube potrà utilizzare i contenuti degli utenti solo in occasioni limitate ben citate all’interno delle nuove norme.

Per evitare incomprensioni, è stato inserito un documento all’interno degli strumenti per delineare tutti i motivi che potrebbero portare YouTube a prediligere l’eliminazione di un determinato contenuto.

Inoltre, sono state esplicitate tutte le possibili motivazioni che potrebbero portare YouTube a chiudere un account. Insomma: patti chiari, amicizia lunga.

Come verranno gestiti i dati degli utenti?

Per quanto riguarda le Norme sulla privacy di Google e la gestione dei dati degli utenti, non è stata apportata alcuna modifica.

La raccolta e il trattamento dei dati personali non cambieranno ma sarà sempre possibile modificare le proprie impostazioni sulla privacy e gestire le modalità d’utilizzo dei dati attraverso l’account Google.

Per avere tutti i dettagli delle nuove norme, leggi i Termini di servizio di YouTube.

Accettare l’aggiornamento sarà facile: basterà collegarsi a YouTube dal 22 luglio e accettare l’avviso di aggiornamento che apparirà nella home.

Se i nuovi Termini non dovessero essere di gradimento, sarà possibile eliminare il portale dall’account Google con la conseguente chiusura del canale YouTube.

Alice Tarantola
16 Gennaio 2020

Intent Based Marketing: comprendere l’intento del cliente

Durante la navigazione gli utenti non amano essere disturbati da fastidiosi annunci o messaggi troppo insistenti. Una comunicazione aggressiva e assillante non solo non permette di raggiungere gli obiettivi di marketing che ci eravamo prefissati, rischia anche di rovinare in qualche modo la nostra reputazione come azienda. Pensate ad esempio…

approfondisci
Alice Tarantola
7 Gennaio 2020

YouTube salvaguarda i bambini con importanti modifiche nelle impostazioni

L’articolo è stato aggiornato in data 07 gennaio 2020 con l’inizio dell’obbligo delle nuove impostazioni su YouTube. YouTube stipula un accordo con la US Federal Trade Commission e con il procuratore generale di NYC per essere conforme con il Children’s…

approfondisci