7 Trend di Digital Marketing del 2024

Mentre ci avviciniamo al 2024, il mondo digitale continua a evolversi a un ritmo vertiginoso. Dall’intelligenza artificiale alle nuove frontiere delle strategie SEO, questi trend non sono solo indicatori di dove stiamo andando, ma anche delle opportunità che possiamo cogliere.

In questo articolo, esploreremo alcune delle tendenze più significative e influenti nel settore digitale per il 2024, offrendo uno sguardo approfondito su come potrebbero influenzare le strategie digitali delle aziende e la vita quotidiana degli utenti.

7 trend digital marketing del 2024

Quali sono stati i trend chiave del 2023?

 

Prima di addentrarci nelle sfide che vedremo nascere nel 2024, occorre fare un passo indietro.
Infatti nel 2023, il mondo digitale ha assistito a sviluppi significativi che hanno gettato le basi per le tendenze attuali.

Un aspetto fondamentale è stato l’ulteriore consolidamento del lavoro a distanza, con aziende e individui che hanno abbracciato sempre più tecnologie avanzate per rimanere connessi e produttivi.
La crescita dell’e-commerce personalizzato, con i negozi online che hanno iniziato a utilizzare tecnologie più sofisticate per offrire un’esperienza di acquisto su misura.

Inoltre, il 2023 ha segnato l’ascesa di strumenti di intelligenza artificiale rivoluzionari come ChatGPT e Bard di Google, che hanno trasformato il modo in cui interagiamo con l’informazione online, offrendo esperienze di conversazione naturale e accesso a informazioni e assistenza in tempo reale.

Questi sviluppi hanno non solo migliorato l’efficienza e l’accessibilità delle informazioni, ma hanno anche aperto nuove frontiere nel campo del  digitale e della generazione di contenuti.

7 Trend Digital 2024 che devi conoscere 

 

 

  • Rivoluzione AI nel Marketing

L’intelligenza artificiale continua a rivoluzionare in modo significativo sia le strategie di marketing che i processi lavorativi, richiedendo a tutti di aumentare la velocità e la qualità della produzione. Mentre molte aziende comprendono il potenziale dell’IA, molte non sono ancora pronte ad integrarla completamente nei propri flussi di lavoro. La scelta dei giusti strumenti di intelligenza artificiale, adatti alle specifiche attività e all’organizzazione, diventa quindi una priorità per le piccole e medie imprese.

Oltre all’automazione delle attività quotidiane, l’IA è ora essenziale per offrire esperienze personalizzate ai clienti, implementare pubblicità mirate e ottimizzare le strategie di marketing per aumentare il coinvolgimento e le conversioni. Grazie all’analisi dei dati supportata dall’IA, le aziende possono ottenere approfondimenti sul comportamento e le preferenze dei clienti, consentendo loro di personalizzare in modo più efficace le loro iniziative di marketing.

L’AI cambierà anche la SEO e search marketing: da un lato, Google, come motore di ricerca, sta apportando significative modifiche integrando l’IA per creare l’Esperienza Generativa di Ricerca (SGE), che rivoluzionerà il modo in cui le persone trovano risposte alle loro domande. Dall’altro lato, emergono nuovi approcci sia nella ricerca (come la SEO su Chat GPT, Duck Duck e Perplexity) che nel marketing delle app (come evidenziato dal lancio del nuovo Chat GPT Store).

 

  • AI Content Caos + Tocco umano + Distribuzione

Dimenticate la frase “Il contenuto è Re”!

Il 90% dei contenuti sul web è di bassa qualità: mentre i content creator stanno producendo a un ritmo record su siti e social, la resa è decrescente in quanto in una rete super affollata più contenuti non significa più risultati! Con 4,3 miliardi di “pezzi di contenuto” prodotti ogni giorno, non è facile conquistare l’attenzione solo producendo di più!

E la situazione peggiorerà con i contenuti mal generati dall’AI che stanno inondando il web e i risultati di ricerca su Google e social.

Questa nuova situazione che definisco “Content Caos” rende necessario un notevole aumento della qualità nel lavoro produttivo. Se da un lato l’IA può accelerare almeno del 40% il processo di creazione di contenuti testuali, immagini e video, dall’altro il tocco umano rimarrà cruciale per i contenuti che convertano e/o affrontano temi particolarmente sensibili (come denaro e salute).

Contenuti autentici, con un tocco umano, saranno la chiave per ottenere un impatto significativo. Questo approccio, che fonde l’efficienza dell’IA con la creatività e l’empatia umana, diventerà essenziale nelle strategie di content marketing. In un mondo AI, il content marketing avrà successo se si rivolge a specifici target, in contesti definiti e se ha la forza distributiva necessaria per emergere nel caos di contenuti presenti sui social media e nei risultati di ricerca.

  • Crescita dei messaggi diretti e ricerca conversazionale

Molte aziende devono migliorare le loro esperienze digitali, in particolare nella gestione e ottimizzazione dei siti web.Poiché i consumatori sono costantemente connessi tramite dispositivi mobili e preferiscono sempre di più i messaggi diretti e le chat rispetto alle chiamate telefoniche, ci aspettiamo che queste modalità di comunicazione crescano ulteriormente.

WhatsApp si prospetta come uno strumento di marketing a 360 gradi, pronto a giocare un ruolo significativo.

Nel frattempo, il marketing via email rimane un canale cruciale, con il numero totale di email aziendali e consumer inviate quotidianamente destinato a crescere significativamente anche nel 2024. Questo sottolinea l’importanza continua di canali di comunicazione diretti e conversazionali.

Abbiamo detto che l’IA cambia il search marketing:  la ricerca consecutiva conversazionale “in stile Chat GPT” sta emergendo come modalità dominante di ricerca. 

Considerando che la conversazione diretta in chat è diventata uno standard su piattaforme come WhatsApp, Telegram, Instagram, ecc., la questione è solo quanto tempo ci vorrà e chi trarrà beneficio da questo cambiamento.

  • Focus umano & eventi fisici

C’è un notevole spostamento verso strategie di marketing più orientate alla persona. Questo coinvolge l’iper-personalizzazione, in cui le aziende utilizzano i dati per creare esperienze di marketing altamente personalizzate per i clienti. Un altro aspetto cruciale è la crescente attenzione alla sostenibilità e all’etica, riconoscendo che i consumatori moderni preferiscono sostenere aziende che contribuiscono positivamente al mondo (vedi progetto Karma Metrix).

Con la continua crescita della digitalizzazione e dell’intelligenza artificiale, le persone sentiranno sempre più il bisogno di connettersi di persona, creando così connessioni reali ed esperienze tangibili. Nel 2024, si prevede infatti che grandi eventi di marketing saranno di fondamentale importanza soprattutto nel contesto B2.

  • L’ascesa del video marketing & e-commerce social

L’attenzione online è notevolmente bassa, e spesso le persone preferiscono rivolgersi direttamente ai contenuti video, considerati più facili da fruire rispetto ai contenuti testuali che richiedono maggiore concentrazione.

Come previsto nel 2023 (vedi il canale YouTube di Ale Agostini), il video marketing sta consolidando la sua posizione come canale dominante per coinvolgere il pubblico.

I marketer stanno sempre più utilizzando il video per raccontare storie di marca, presentare prodotti e stabilire connessioni più profonde con il loro pubblico. Piattaforme come TikTok e YouTube svolgono un ruolo centrale in questi sforzi, con la maggior parte delle aziende che ora incorpora video brevi come componente chiave delle proprie strategie di marketing.

L’e-commerce sociale è destinato a integrarsi ulteriormente, con funzionalità come gli acquisti in-app e post acquistabili che semplificano il processo di acquisto. I marchi dovranno ottimizzare i propri profili sui social media per favorire le vendite e creare contenuti coinvolgenti che stimolino gli acquisti.

La maggior parte delle aziende inizierà a chiedere agli influencer “quanto ROI stai portando?” e ridurrà la spesa per gli influencer.

  • Focus sulla fidelizzazione (più che sull’acquisizione di nuovi)

Le previsioni di spesa indicano una significativa crescita della spesa pubblicitaria globale nel 2024, con un aumento dei CPC medi. Questo aumento riflette l’evoluzione continua e il dinamismo nel settore pubblicitario, guidato dalle tecnologie emergenti e dai cambiamenti nei comportamenti dei consumatori.

Secondo Optimove, nel 2024 nelle strategie di marketing ci sarà un forte focus sulla fidelizzazione dei clienti.

Quando pensiamo a far crescere un’azienda, spesso ci concentriamo sulla ricerca di nuovi clienti. È importante, certo, ma c’è un altro pezzo del puzzle che non va trascurato: prendersi cura dei clienti che abbiamo già. Le collaborazioni solide e proficue possono infatti generare nuove opportunità di business.

Questa tendenza sottolinea l’importanza di costruire relazioni a lungo termine con i clienti e personalizzare le esperienze al fine di accrescere la fedeltà del cliente.

  • Leggi Privacy potenziano SEO & dati di prima parte, influenzando anche i CPC.

Le regolamentazioni sulla privacy stanno cambiando le scelte delle grandi aziende tecnologiche.

Alla fine dell’anno scorso, Meta (Facebook) ha iniziato ad offrire un modello di abbonamento senza pubblicità in Europa. Gli utenti pagano circa $10 al mese per non vedere la pubblicità nei loro feed. Ciò per conformarsi alle regolamentazioni europee sulla privacy in evoluzione.

Con il “pre-lancio” della funzione di Protezione Tracciamento il 4 gennaio 2024, Google Chrome sta intensificando le misure di privacy eliminando i cookie di terze parti.  Questo cambiamento, parte dell’iniziativa Privacy Sandbox di Google, mira a migliorare la privacy degli utenti sul web consentendo comunque agli inserzionisti di consegnare annunci mirati. Questo significativo cambiamento in Chrome, il browser web più popolare al mondo, avrà ampie implicazioni sia per gli utenti che per gli inserzionisti.

Con regolamentazioni sulla privacy più severe e il declino dei cookie di terze parti, i marketer stanno virando verso data lake interni e dati di prima parte e le persone hanno capito che la privacy ha un prezzo.

La SEO, che non dipende dai cookies, sarà la leva che ne trarrà maggior beneficio. Si prevede un aumento significativo dei CPC per Google Ads e META, con una conseguente diminuzione dei ricavi pubblicitari dei due giganti (come dimostrato dalla recente vendita di 180 milioni di azioni di Meta da parte di Zuckerberg).

In che modo influenzerà ciò il tuo marketing? In breve, questa transizione verso la privacy potrebbe ridurre le visualizzazioni e i clic da parte degli utenti più benestanti, disposti a spendere piccole somme ricorrenti per ottenere maggiore privacy e sicurezza. Pertanto, potrebbe essere saggio monitorare attentamente questi sviluppi e valutare eventuali regolazioni nella tua spesa pubblicitaria sui social media.

 

Conclusione

 

Guardando al 2024, è chiaro che i trend digitali continueranno a evolversi, portando nuove sfide e opportunità. Le aziende devono restare aggiornate e adattarsi rapidamente a queste evoluzioni per trarre vantaggio da un panorama digitale in continua evoluzione.

Se vuoi restare al passo con i nuovi trend emergenti e migliorare la tua strategia SEO per battere la concorrenza nel 2024, fissa una call gratuita con un nostro esperto.

 

Spread the love