Google Core Update Marzo 2024: cosa cambia

Google ha annunciato un importante aggiornamento dei suoi algoritmi e delle sue politiche di ricerca, con l’obiettivo di contrastare i contenuti di bassa qualità e spam sul suo motore di ricerca.

Il Core Update di Marzo 2024 è descritto dall’azienda come più esteso rispetto ai soliti aggiornamenti core e l’implementazione potrebbe richiedere fino a un mese. Questo aggiornamento introduce modifiche all’algoritmo volte a migliorare la qualità dei risultati di ricerca e a ridurre lo spam e potrebbe significativamente influenzare le prestazioni di determinati siti web.

google-core-update-marzo-2024

Una nuova stretta sui contenuti

 

La strategia di Google di perfezionare i propri sistemi di ranking per identificare pagine web inutili o create esclusivamente per i motori di ricerca è una nuova chiamata all’azione per i proprietari di siti web e i professionisti del marketing digitale dopo l’helpful content update del 2022.

Queste modifiche evidenziano l’importanza di produrre contenuti originali e di valore che soddisfino realmente le esigenze e le aspettative degli utenti. Non basta più ottimizzare i siti web pensando unicamente ai motori di ricerca; è sempre più fondamentale concentrarsi sulla creazione di esperienze utente positive e coinvolgenti.

Questo aggiornamento, insieme agli interventi precedenti, si tradurrà in una riduzione del 40% dei contenuti di bassa qualità nei risultati di ricerca. Per affrontare in modo più efficace le pratiche che potrebbero deteriorare la qualità dei risultati di ricerca, l’azienda ha inoltre rivisto e aggiornato le sue linee guida relative allo spam.

Aggiornamento alle regole sullo spam

 

Contestualmente all’aggiornamento dell’algoritmo, Google ha implementato tre nuove normative nella sua politica contro lo spam, vediamole nel dettaglio:

  •  Abuso di contenuti su larga scala

Google ha rafforzato la sua politica contro la produzione di massa di contenuti di bassa qualità o non originali, creati con il solo scopo di manipolare i ranking dei motori di ricerca. L’aggiornamento mira a identificare e penalizzare non solo i contenuti generati automaticamente, ma anche quelli prodotti tramite l’uso combinato di automazione e intervento umano.

L’obiettivo è eliminare le pagine che, nonostante promettano di rispondere a ricerche popolari, si rivelano prive di contenuti utili.

  • Abuso della reputazione del sito

Un altro aspetto critico riguarda i siti che ospitano contenuti di terze parti di bassa qualità per sfruttare indebitamente la loro reputazione. Google ora considera tali contenuti come spam e incoraggia i proprietari dei siti a esercitare una maggiore supervisione sui materiali pubblicati.
La trasparenza e la qualità dei contenuti diventano quindi fattori determinanti per mantenere la fiducia degli utenti e un posizionamento favorevole nei risultati di ricerca.

  • Abuso di domini scaduti

L’aggiornamento include anche misure contro l’acquisto e il riutilizzo di domini scaduti per promuovere contenuti di scarsa qualità. Tale pratica, volta a ingannare gli utenti sull’origine e la validità dei contenuti, verrà ora sanzionata come spam. Ciò sottolinea l’importanza di costruire e mantenere domini legittimi, arricchiti da contenuti pertinenti e di alta qualità.

Impatto dell’aggiornamento

 

Le pagine pubblicate senza un adeguato controllo qualità o che non rispettano queste direttive saranno considerate spam, a meno che non siano chiaramente intese per gli utenti abituali e non mirino a manipolare i ranking di ricerca.

Questi aggiornamenti sottolineano l’impegno di Google nel promuovere un ecosistema digitale più trasparente e di qualità. Per i proprietari di siti e i professionisti SEO, rappresentano un’opportunità per rivedere le proprie strategie e allinearsi a queste nuove normative.

Vediamo come adeguarsi a questo aggiornamento e le migliori pratiche da adottare:

 

  • Creazione di contenuti: dedicarsi alla produzione di contenuti autentici e originali che rispondano direttamente alle necessità degli utenti.
  • Controllo qualità: implementare un processo di controllo qualità rigoroso per tutte le pagine che vengono pubblicate, assicurando che ogni contenuto mantenga un alto standard.
  • Coerenza dei contenuti: garantire che i contenuti pubblicati siano in linea con gli obiettivi e la missione del sito, contribuendo positivamente all’esperienza complessiva dell’utente.
  • Monitoraggio e analisi: tenere sotto osservazione i ranking e l’andamento del traffico al fine di identificare tempestivamente eventuali cali di performance. È importante avere pazienza e attendere alcuni giorni per osservare gli effetti degli aggiornamenti sui ranking.

Attraverso l’adozione di queste strategie, i siti web possono navigare con successo gli aggiornamenti di Google, migliorando sia la loro visibilità che la qualità dell’esperienza offerta agli utenti.

Nell’esaminare il posizionamento del tuo sito web, puoi farti supportare da un‘agenzia SEO specializzata come la nostra: sapremo consigliarti la strategia migliore da mettere in campo.

Spread the love